rss fb twitter

Cane di razza: Dogo argentino

Razza pericolosa
razza pericolosa
Razza riconosciuta Enci
razza riconosciuta enci
Categoria Enci:
Cani di tipo pinscher e schnauzer, molossoidi e bovari svizz.
Descrizione: 
Il Dogo argentino è un cane di media taglia con una muscolatura possente e tonica e un'andatura agile e sciolta.

Possiede un cranio massiccio, con un muso della stessa lunghezza del cranio.

Gli occhi sono a mandorla, scuri o di color avellana, le palpebre sono di buon spessore, con bordi neri o chiari; la separazione tra gli occhi deve essere grande, lo sguardo è vivo, intelligente e, in attenzione, di marcata durezza.

Le mascelle poderose si chiudono a forbice o a tenaglia, senza alcun prognatismo.

Le orecchie sono attaccate, alte, tagliate o integre.

La coda è a forma di sciabola, spessa e lunga.

Il manto è completamente bianco, uniformemente corto, liscio e piacevole al tatto.

Le macchie della pelle sono ammesse e aumentano con l'età; grave è l'assenza di tali macchie che, se accompagnata anche da depigmentazione del tartufo e del labbro, porterebbe all'albinismo, con gravissimi problemi.

I maschi raggiungono un'altezza di 63-68 cm, mentre le femmine arrivano ai 60-65 con una tolleranza di qualche cm. Il peso si aggira sui 40-45 chilogrammi.



Nazionalità: 
Argentina
Origine: 
Razza creata dal Dr. Antonio Nores Martinez, profondo conoscitore della genetica. La razza, dopo la morte di Antonio, venne poi continuata dal fratello Dr. Agustin Nores Martinez. Le razze utilizzate per la creazione di questa razza sono state dieci: Perro De Pelea Cordobes, Mastino spagnolo, Bull Terrier, Boxer, Pointer, Alano Arlecchino, Dogue De Bordeaux, Buldog inglese, Levriero irlandese, Mastino dei Pirenei. Il Perro De Pelea Cordobes è stato il maggior artefice della creazione della razza dogo argentino. La razza è stata riconosciuta ufficialmente dalla Federazione Internazionale nel 1964.
Carattere: 
Grazie a una selezione severa e a degli studi di carattere minuziosi, il Dr. Nores Martinez raggiunse lo scopo che si era prefissato ottenendo una prima famiglia dall'eredità stabile. E’ un cane intelligente e furbo, fedele, dolce ed affettuoso. E’ molto affezionato al padrone, ama stare all'aria aperta e fare lunghe passeggiate.
Utilizzazione: 
Selezionato in funzione della caccia al cinghiale e a tutto il selvatico alla sua portata, veniva utilizzato anche contro il puma. E’ un ottimo cane da guardia e da difesa.
Note: 
-