Deiezioni, uno studio: “Proprietari più attenti di pomeriggio”

Deiezioni, uno studio: “Proprietari più attenti di pomeriggio”
Autore:
Cani.com
10 Aprile 2015

Tra i doveri del proprietario di un cane c’è quello di raccogliere i bisognini del proprio amico a quattro zampe. Eppure molti ancora, soprattutto nel nostro Paese, non esitano a lasciarli qui e là per le strade e i marciapiedi della città in cui vivono. Oggi uno studio scientifico - pubblicato dall'Helmholtz Centre for Environmental Research di Leipzig (Germania) su Environmental Sociology e ripresa da Anmvi Oggi - fotografa i comportamenti delle persone quando si trovano a dover far fronte a questo dovere. Ne è emerso, stando a quanto riportato da un articolo pubblicato su adnkrons.com, che i proprietari di cani sono meno scrupolosi al mattino, quando ci sono meno persone nei paraggi. Nel pomeriggio, invece, quando i parchi e gli spazi pubblici si fanno più affollati, gli esperti hanno osservato che la conduzione del cane si fa molto più responsabile (la maggior parte dei quattro zampe sono al guinzaglio) e i proprietari sono molto più attenti alla rimozione degli escrementi. Addirittura, Matthias Gross - autore della ricerca, condotta osservando le abitudini dei proprietari in diversi momenti della giornata, comprese le tecniche e le strategie utilizzate per rimuovere gli escrementi - ha notato che chi non aveva rimosso le deiezioni della mattina l’ha poi fatto nel pomeriggio. Infine, il team di ricercatori ha classificato tre comportamenti: tradizionale, responsabile e furtivo. Il proprietario tradizionale - si continua a leggere nell’articolo - porta il cane al parco con il guinzaglio e ha molto tempo libero; il responsabile è come il tradizionale, salvo portare il sacchetto e dare dimostrazione, utilizzandolo, di maggiore senso civico; il proprietario furtivo rimuove solo se ci sono altre persone presenti, altrimenti risparmia un sacchetto e si mostra sicuramente libero nei comportamenti per sé e per il suo cane.

VOTO DEGLI UTENTI

su 5 ( voti)

Commenta l' articolo