Lo studio: “Amiamo più i cani che le persone”

Lo studio: “Amiamo più i cani che le persone”
Autore:
Cani.com
06 Novembre 2017

Considerare i cani come fossero persone, e occuparsi di loro proprio come fossero bambini. Amandoli perfino più degli esseri umani. A confermare ciò è adesso uno studio pubblicato sulla rivista Society & Animals da alcuni ricercatori dell’Università di Boston.

A tale conclusioni si è giunti - si legge su Repubblica - coinvolgendo 240 persone e fornendo loro dei ritagli di giornale con notizie false, costruite ad hoc per l’occasione. In particolare, notizie riguardanti aggressioni o violenze di ogni tipo a danno di persone o cani. Facendo così, veniva misurato il livello di empatia dei volontari che hanno preso parte alla ricerca.

Lo studio: “Amiamo più i cani che le persone”

Ne è emerso che a influenzare la capacità di mettersi nei panni dell’altro era il grado di vulnerabilità della vittima presa in esame, ovvero la maggiore sofferenza per le violenze subite da cuccioli o bimbi rispetto a quelle ricevute dagli adulti. Ed è per questo che i soggetti presi in esame durante la ricerca avrebbero finito per considerare i cani non come animali, ma come piccoli umani con la pelliccia. Inoltre, secondo sempre lo studio saremmo inclini a provare più empatia nei confronti di soggetti incapaci di difendersi e prendersi cura di se stessi come, per l’appunto, possono essere gli animali.

VOTO DEGLI UTENTI

su 5 ( voti)

Commenta l' articolo