Ottiene un permesso retribuito per far operare il cane. Il caso a Roma

Ottiene un permesso retribuito per far operare il cane. Il caso a Roma
Autore:
Cani.com
12 Ottobre 2017

Assentarsi dal lavoro per poter assistere il proprio cane che deve essere sottoposto a un intervento può essere considerato “un grave motivo famigliare e personale”, tale da chiedere un permesso retribuito. È quanto concesso a una dipendente single dell’Università “La Sapienza” a Roma dopo che, non avendo nessuno cui affidare l’amico a quattro zampe operato d’urgenza per una paralisi della laringe, ha cercato e ricevuto l’assistenza legale della Lega anti-vivisezione.

Ottiene un permesso retribuito per far operare il cane. Il caso a Roma

In pratica, l’ufficio legale dell’associazione animalista ha ripescato alcune sentenze della Cassazione secondo cui la mancata cura di un animale configura i reati di abbandono e maltrattamenti. Ed è così che, sulla base di queste, la donna ha potuto sostenere che, se non avesse assistito il proprio pet, avrebbe commesso un reato, ottenendo così dall’ateneo romano un paio di giorni di permesso retribuito.

Non si è mai verificato un caso del genere. “Ora - dichiara il presidente della Lega anti-vivisezione, Gianluca Felicetti - con le dovute certificazioni medico-veterinarie, chi si troverà nella stessa situazione potrà citare questo importante precedente. Un altro significativo passo in avanti, che prende atto di come gli animali non tenuti a fini di lucro o di produzione sono a tutti gli effetti componenti della famiglia”.

VOTO DEGLI UTENTI

su 5 ( voti)

Commenta l' articolo