I cibi vietati a Fido

I cibi vietati a Fido
Autore:
Cani.com
02 Febbraio 2016

A chi non è capitato di dare qualche extra al proprio amico a quattro zampe, facendosi “corrompere” dal suo sguardo languido? Attenzione però! Il veterinario Barbara Royal, infatti, ha stilato per il sito Ophra.com - il sito popolare della conduttrice americana Ophra Winfrey - un breve elenco di cibi estremamente dannosi, che sempre più spesso fanno parte di quegli extra che si danno a Fido.

La crosta della pizza

La crosta della pizza è bandita per le farine e gli ingredienti che contiene. Per la Royal, infatti, sono "vietati il mais, il frumento, la soia e soprattutto la patata a pasta bianca negli alimenti". E secondo la veterinaria, i prodotti alimentari lavorati spesso ne contengono la buccia, fonte di solanina che è "davvero tossica" per i quattro zampe.

I cibi vietati a Fido

Dolcetti e biscotti

Quelli per uso umano fanno estremamente male a Fido, poiché ricchi di zuccheri. E questi – si legge in un articolo pubblicato su adnkronos.com - dovrebbero essere “off-limits”, compreso il cioccolato che è tra gli alimenti più tossici per gli animali.

Patatine e cibi salati

Proprio come lo zucchero, anche il sale fa male a Fido: "I cibi salati come le patatine o i pretzel - spiega ancora la veterinaria - favoriscono l'insorgenza di infiammazioni".

Burro di arachidi

Anche se non è ancora diffusissimo in Italia, va ricordato che il burro d’arachidi può fare molto male al nostro amico a quattro zampe. "Ho molti animali - spiega Royal - che arrivano con allergie o problemi cronici, poi scopro che tutti i medicinali sono stati dati insieme a del burro di arachidi" per renderli più appetibili. "Tolto il burro d'arachidi, di solito la situazione migliora".

Questo non vuol dire che non possiamo più dare degli extra ai nostri quadrupedi, ma è opportuno sceglierli con criterio, pensando all’impatto che possono avere sulla loro salute e, scegliendoli in base alla crescita e all’invecchiamento del cane. 

VOTO DEGLI UTENTI

su 5 ( voti)

Commenta l' articolo