Vaccinare il cane: quali sono i rischi?

Vaccinare il cane: quali sono i rischi?
21 Marzo 2016

La scelta di vaccinare un cane o un gatto è una decisione molto importante che a volte può compromettere la salute del vostro amico a quattro zampe. Si vaccina quando il sistema immunitario ha raggiunto una certa maturità, altrimenti si rischia che gli anticorpi non vengano prodotti dal paziente vaccinato. In soggetti allergici o affetti da malattie autoimmuni, la vaccinazione non dee essere praticata, altrimenti si rischia di alterare ancora di più il sistema immunitario.

Tanti vaccini, tante sostanze tossiche. In campo umano le soglie di sicurezza internazionali per la concentrazione di mercurio per le vaccinazioni pediatriche è di 25 microgrammi con l’antidiftotetanica e 12,5 con l’antiepatite B. In campo veterinario questa concentrazione è più che raddoppiata, inoltre va considerato anche il peso dell’animale che, per alcuni cani, non supera i 2 kg (alcune razze toy arrivano a 1 kg/1 kg e mezzo): immaginate la quantità, in proporzione, che riceve un cane di piccola taglia che viene vaccinato contro la rabbia, con una concentrazione di mercurio 0,1 mg/ml cioè 100 microgrammi/ml.

Si fa presto a capire perché i cani e gatti di piccola taglia sono spesso i più colpiti da encefaliti post vaccinali, inoltre i metalli pesanti provocano problemi al sistema immunitario, con disfunzioni e conseguenti malattie autoimmuni. Se pensate che spesso è usanza vaccinare tutti gli anni con la trivalente, che in alcune zone viene fatta la vaccinazione per la leptospirosi ogni 6 mesi (alcuni vaccini con una nuova variante ogni anno), che spesso per l’antirabbica (per i passaporti o le manifestazioni cinofile) è richiesto il rinnovo annuale, appare subito evidente quanto alluminio e mercurio i nostri animali assumono nell’anno, senza pensare poi ai vari antiparassitari che in alcune zone vengono somministrati ogni mese.

Vaccinare il cane: quali sono i rischi?

Il danno da tossicità associato alla disfunzione immunitaria è quello che poi provoca i fenomeni infiammatori degenerativi, da cui partono molte neoplasie. In soggetti sensibili la vaccinazione può, inoltre, scatenare reazioni gravi come encefaliti, nefriti, diabete tipo 1, artriti , miositi.

Come ridurre il numero delle vaccinazioni. Molti vaccini specificano nei loro bugiardini che l’immunità dura almeno fino a 3 anni e alcune università del Nord America hanno accertato che l’immunità di alcuni vaccini dura più di 7 anni: perché vaccinare tutti gli anni se l’organismo non lo richiede? I veterinari possono suggerire al proprietario il test degli anticorpi vaccinali (Vacci-Ceck): con un semplice prelievo di sangue, in meno di 20 minuti, si accerta se il cane o il gatto sono coperti dal vaccino e si decide se rimandare o meno la vaccinazione all’anno successivo. Così facendo si evitano i tanti problemi immunitari e da disfunzione d’organo che conseguono a protocolli vaccinali male gestiti.

Il grosso problema rimane il fatto che difficilmente il veterinario riuscirà a identificare la malattia conseguente alla vaccinazione perché, tranne alcuni casi, i sintomi spesso non arrivano subito a ridosso del vaccino, ma dopo alcuni giorni. Questo ha come conseguenza una scarsa soglia di attenzione sul problema vaccinazione: purtroppo il piano vaccinale continua a essere applicato senza porsi fondamentali interrogativi, e a pagarne le conseguenze sono prima di tutti i nostri amati animali domestici

DANNI DA VACCINI

Reazioni Sistemiche

Anafilassi (reazioni anafilattoidi all’uovo)

Febbre da vaccino

Vasculiti

Lupus post-vaccinale

Reazioni Cutanee

Eruzioni esantematiche

Orticaria e angioedema

Eritema essudativo

Dermatite esfoliatii

Epidermolisi tossica necrotica

Reazioni Respiratorie

Asma bronchial

Polmonite eosinofila

Fibrosi polmonare

Reazioni Ematologiche

Eosinofilia

Anemia immuoemolitica

Agranulocitosi

Trombocitopenia

Aplasia midollare

Linfoadenopatie da ipersensibilità

Pseudolinfoma da vaccino

Reazioni Epatiche

Colestasi intraepatica

Ittero epatocellulare

Reazioni Neurologiche

Polineuropatie

Neuriti periferiche

Mieliti

Encefaliti

Meningiti

Reazioni Renali

Glomerulonefrite

Nefriti interstiziale

 

Video i rischi delle vaccinazioni nel cane e nel gatto :

https://youtu.be/0qOXf3j2Tjc

La vaccinazione può essere sempre un rischio vanno valutati tutti i pro e contro e soprattutto evitare di vaccinare i soggetti a rischio che presentano patologie in atto. Fare richiami ravvicinati non significa proteggere di più, semmai l’inverso si altera il sistema immunitario predisponendo a disfunzioni immunitarie malattie degenerative e di conseguenza tumori oltre che inoculare metalli pesanti (alluminio mercurio ecc.) che, in soggetti predisposti, possono scatenare malattie autoimmuni.

 

Dott. Alessandro Prota

www.alessandroprota.it

VOTO DEGLI UTENTI

su 5 ( voti)

Commenta l' articolo