Vocabolario canino

A | B | C | D | E | F | G | I | K | L | M | O | P | R | S | T | U | V | Z
Rappresenta la punta del naso in cui si trovano le narici; è caratterizzato dalla mucosa che lo ricopre e gli permette di essere un organo di senso straordinario dal punto di vista dinamico e termico, grazie soprattutto alle ghiandole sudoripare, e tattile.
Estremità del naso di due colori.
È ottenuto dall’unione di pelo più scuro e più chiaro e dà l’impressione ottica di una tigratura.
Torace piuttosto arcuato.
Toelettatura specifica che viene utilizzata principalmente pei i Barboni.
Paricolare toelettatura che provoca il radere e lo strippare il pelo. Utile per mantenere il mantello del cane sempre in buone condizioni.
Rappresenta la velocità di reazione agli stimoli esterni. Un cane è di grande temperamento quando le sue reazioni sono molto celeri, è dal carattere vivace, sveglio, attivo, attento e molto curioso a tutto ciò che lo circonda.
Capacità a resistere agli stimoli negativi sia fisici che psichici. Un cane ha tempra quando sa resistere a una situazione spiacevole come la fatica o la paura. Non sono ricercati cani dalla tempra elevata o molle: nel primo caso l’uomo fatica a imporsi come boss mentre nel secondo caso l’animale non è capace di reagire alle difficoltà che si presentano.
È l’area che il cane identifica come proprietà del suo branco; nel caso dei cani domestici può essere rappresentato da esseri umani. Il cane tende per natura a proteggere il proprio territorio o ad avvertire gli altri membri del branco di un’eventuale invadenza (s’intende l’infrazione territoriale da parte di un altro animale (o l’uomo) ignoto o sgradito).
Insieme delle operazioni indispensabili per mantenere il pelo del cane pulito, sano, sistemato e piacente.