Cane sepolto vivo: salvo grazie all’intervento di alcuni motociclisti

Cane sepolto vivo: salvo grazie all’intervento di alcuni motociclisti
Autore:
Cani.com
28 Marzo 2014

Un povero quattro zampe, vittima del fanatismo e della crudeltà di un gruppo di satanisti, è stato sepolto vivo per portare a termine un rituale propiziatorio legato all’ Equinozio. È accaduto a Bari, precisamente a Murgia Barese, nei pressi di una chiesa sconsacrata. Il gesto folle si sarebbe concluso in una vera e propria tragedia se - si legge in un articolo pubblicato sul sito vnews24.it - non fosse stato per un gruppo di motociclisti i quali, accampatisi poco lontano dal luogo nel quale pare si stesse svolgendo l’inquietante rito, sarebbero intervenuti denunciando l’accaduto alle forze dell’ordine del capoluogo pugliese. I satanisti autori di questo fatto increscioso sarebbero già noti nella zona per una serie di atti vandalici perpetrati ai danni di immagini e statue religiose come, per esempio, scritte ingiuriose sui muri o persino minacce al parroco locale. Questa volta, però, la loro crudeltà ha trovato come bersaglio questo povero malcapitato a quattro zampe. Motivazione? Occorreva un sacrificio animale per garantire a se stessi e alle entità spirituali richiamate nel corso del rituale un’inesauribile fonte d’energia. Stando al racconto dei bikers che hanno tratto in salvo il quattro zampe, il gruppo di satanisti avrebbe agito durante le prime ore dell’alba, incappucciati e provvisti di lumini. Incuriositi da questi curiosi personaggi che si stavano dirigendo all’interno della Contrada, i motociclisti avrebbero poco dopo udito degli strani canti assieme a dei guaiti. Ed è così, che allarmati, avrebbero allertato le forze dell’ordine. Assieme a loro poi, scavando a mani nude, hanno trovato sotto terra il cane agonizzante e con gli occhi coperti con una benda. Soccorso immediatamente, l’animale non sarebbe in pericolo di vita, ma rischierebbe di perdere la vista. Adesso è caccia a chi lo avrebbe ridotto in queste condizioni. 

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo