Abbandonato a un palo, non si separa mai dalla sua pettorina rossa: volontari Enpa commossi

Abbandonato a un palo, non si separa mai dalla sua pettorina rossa: volontari Enpa commossi
Autore:
Cani.com
24 Luglio 2013

Commuove la storia di un povero cagnolino della provincia di Arezzo, abbandonato a un palo in un giorno d’estate - purtroppo è solo uno fra tanti, soprattutto in questo periodo - e adesso incapace di separarsi dal guinzaglio e dalla sua pettorina rossa, forse l’ultimo ricordo dei padroni che l’hanno abbandonato. L’animale si trova al canile Enpa di Forestello, nel Comune di Cavriglia, ma rifiuta il cibo e piange continuamente, probabilmente in attesa che il suo vecchio proprietario lo venga a riprendere. Intanto, non intende rinunciare ai suoi “cimeli”, forse l’unico legame rimasto con la sua vita passata. Il tutto - si legge in articolo pubblicato sul sito corrierefiorentino.corriere.it - ha inizio una settimana fa, quando il piccolo cane nero è sttao legato a un palo lungo la provinciale del Botriolo, nel comune di Castelfranco di Sopra (Arezzo), solo che lui stesso è riuscito a rosicchiare il guinzaglio e a liberarsi. Ha corso senza una meta fino a quando non è stato notato dai volontari dell'Enpa. Non è stato semplice prenderlo e, quando finalmente ci sono riusciti, il piccolo è stato portato nel canile di Forestello, dove gli sono state riservate tutte le attenzioni e le cure possibili. Il cucciolo, però, riversa nella disperazione più totale, tenendo sempre in bocca la pettorina e il guinzaglio con cui è stato ritrovato. Il suo stato sta commovendo i volontari del rifugio, che adesso stanno cercando una nuova famiglia che lo adotti (icontatti del canile su www.enpavaldarno.it): “Ne ha - spiegano - davvero bisogno, fa piangere il cuore vederlo soffrire così”. L’Enpa lancia poi un appello, l’ennesimo contro il malcostume dell’abbandono, che coincide puntualmente con l’inizio delle ferie estive: “Non abbandonate i vostri animali, è un comportamento incivile e senza giustificazioni. Ci sono tante strutture ricettive pronte ad accogliere anche cani e gatti, preoccupatevi anche di loro quando pensate alle vostre vacanze”. Quella di questo cagnolino, però, è solo una delle innumerevoli storie di abbandono che si verificano durante la bella stagione. L’Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa), ad esempio, fa sapere che solo tra il 21 giugno e il 21 luglio sono pervenute al loro telefono ben 940 segnalazioni di cani abbandonati o vaganti sulle strade cittadine italiane (escluse le autostrade). Il dato è sconfortante se si pensa che nello stesso periodo dello scorso anno le segnalazioni arrivate erano 560, con un incremento di quasi il 40 per cento.

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo