Arriverà... pensiero stupendo di un'operatrice di Pet Therapy

Il titolo evoca in me una canzone d’amore; in realtà vorrei scrivere due parole, a testimonianza e supporto di un amore nato in me nel momento in cui l’ho vista per la prima volta (o forse ancora prima). Sto parlando di Chicca, la cucciola di Labrador nata il 27 giugno 2013, che tra poco meno di un mesetto arriverà in famiglia e diventerà uno dei cani che lavorerà all’interno dell’associazione ConFido in un Sorriso….
Premesso che non sono una patita dei “cani di razza” a ogni costo, in quanto credo che il “meticcio” sia un cane in grado di dare al suo umano tante soddisfazioni quanto un cane dotato di pedigree importantissimo (onore e gloria alla mia Isottina e alla mia Bellona, assolutamente razza fantasia). Sono molto convinta che, se rimani affascinata come è capitato a me dalle caratteristiche fisiche e caratteriali insite in una particolare razza, in questo caso il Labrador, sia doveroso ricercare un allevatore così amante della razza, da garantire una selezione tesa a individuare non solo le caratteristiche estetico-morfologiche, ma anche psico-attitudinali con annesse e connesse tutte le immense conoscenze che ne derivano. Non credo che ci si possa inoltrare con tanta tranquillità nell’educazione di un cane da Pet Therapy, se a monte il selezionatore non ha fatto un attento lavoro di raccolta di quelle qualità che fanno appunto la razza.

Dotata di queste mie consolidate convinzioni, ho comunque cominciato a guardarmi un po’ in giro per vedere cosa offriva il “mercato” (che brutta parola riferita ai nostri amici a quattro zampe), ma purtroppo è proprio così: ai giorni nostri ormai ognuno di noi ha la possibilità di acquistare il cane che desidera anche per pochi euro facendo un giro sulla rete, dove assieme a una serie di allevatori - che magari da anni professano la professione con serietà e impegno - trovi personaggi disperati o improvvisati che pur di guadagnare qualche soldo s’inventano allevatori o pseudo tali.

Tra la miriade di allevamenti presenti nel territorio, confortata dal mio veterinario di fiducia dott. Vittorio Garbagnoli della Clinica Sant’Anna di S. Martino Siccomario (PV), ma ancor di più dalla conoscenza del seuo Labrador Rocco, ho scelto di rivolgermi all’allevamento Masia dei coniugi Nadia e Beppe che con la loro professionalità, ma ancor di più passione che trapela da tutto il loro operato, mi hanno fatto comprendere quanto sia bello allevare dei cani e quanta responsabilità comporta anche la scelta dei futuri proprietari.

Ho capito, leggendo un po’ (e non perché me lo abbiano detto loro, “La classe non è acqua”) che molti dei loro cani sono e sono stati campioni di lavoro e di bellezza, ma la cosa che più mi ha colpito sinceramente è l’affetto e l’amore che Nadia e Beppe nutrono per tutti i loro cani e in questo momento in particolare per la mamma Violet e i suoi cuccioli che, ormai di cinquanta giorni, hanno riconosciuto la voce di Nadia, che con la parola “pappa” ha ottenuto l’attenzione immediata di tutta la tribù. Un momento bellissimo per chi come me fino ad ora non aveva avuto la fortuna di conoscere degli allevatori così sinceramente affezionati e attenti a dei meravigliosi esserini, che comunque rappresentano “l’oggetto” importante di un’attività anche economica.

Tutto quello che ho scritto conferma quello che il mio pensiero positivo mi ha sempre suggerito. Gli allevatori onesti e appassionati esistono: è responsabilità di ciascuno di noi quella di ricercarli per tutelare la salute e tutte le altre caratteristiche di razza che il cane che scegliamo “deve” avere.

Per avere la mia cucciola, ho aspettato per quasi un anno che la sua mamma andasse in calore (perché in questo allevamento non esiste lo sfruttamento delle fattrici), ho pregato che ci fosse una femmina (perché nel mio branco non possono permettermi un maschio), ma sono convinta di avere fatto una scelta giusta, perché per me un cane è prima di tutto un membro della mia famiglia... e ora che finalmente arriverà (sto contando i giorni!!). Sono consapevole di avere tra le mani un cucciolo nato in un ambiente “sano”, assistita adeguatamente fin dai primi giorni di vita da umani esperti e sarà solo un piacere continuare ad amare ed educare la cucciola, in modo tale che essa diventi un cane felice pronta a “provocare” sorrisi negli esseri umani che avrà la fortuna di conoscere grazie alla sua attività di cane “terapista”.

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo