Convivere felici in condominio con un cane: le regole

Convivere felici in condominio con un cane: le regole
Autore:
Cani.com
21 Settembre 2015

Si sa. Non sempre Fido è ben accetto dai vicini di casa, soprattutto se messo nelle condizioni di dar loro fastidio. Non a caso, sono numerose le liti condominiali a causa di animali. Secondo l’Associazione italiana difesa animali e ambiente, nel corso del 2014 e nei primi mesi del 2015 - si legge nel blog ufficiale - sarebbero state oltre 120.000. Ecco, quindi, alcune regole d’oro indicate proprio da Aida per tentare una convivenza felice e senza problemi con cani e condomini.

Innanzitutto, è bene portare sempre il cane al guinzaglio corto (1,50 m) e con la museruola al seguito quando si devono attraversare o si sosta negli spazi comuni o nel giardino condominiale. Mai lasciarlo libero, salvo diverse disposizioni del regolamento. Lo stesso quando si utilizza l’ascensore. In quest’ultimo caso, ricordarsi di portare sempre un deodorante per togliere gli odori di Fido, come pure del materiale per pulire gli spazi nel caso sporchi. 

Convivere felici in condominio con un cane: le regole

Raccogliere sempre le deiezioni del proprio amico quattro zampe e, nel caso si possegga un giardino di proprietà in cui Fido trascorre la maggior parte del suo tempo, fare in modo che risulti sempre pulito, in modo da evitare cattivi odori ai vicini. Inoltre, non lasciare mai in giro negli spazi comuni ciotole contenenti cibo o acqua destinati al proprio cane.

Se il cane abbaia in casa negli orari del riposo, provvedere a insonorizzare la zona dove e predisporre gli spazi a lui riservati nella zona più lontana possibile rispetto alle case e alle finestre dei vicini. A tal proposito, risulta utile portare il cane a passeggio almeno due volte il giorno, così da stancarsi e distrarsi. E poi evitare di lasciarlo solo in appartamento per più di sei-sette ore il giorno: si sentirebbe trascurato e ovviamente si lamenterebbe. Infine, mai lasciare Fido solo chiuso fuori casa sul balcone anche se per poche ore, ma occorre sempre lasciare aperta una porta in modo che l'animale possa andare e venire dall’appartamento.

 

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo