Eurispes 2016, cani e gatti ancora gli animali più amati

Eurispes 2016, cani e gatti ancora gli animali più amati
Autore:
Cani.com
28 Gennaio 2016

Quasi la metà degli italiani vive con un animale domestico e, cani e gatti si riconfermano ancora una volta gli animali preferiti dagli italiani. Seguono pesci, tartarughe, uccelli, conigli, criceti e animali esotici. Gli ultimi in classifica sarebbero, cavalli, rettili e asini. È quanto rivelato dal Rapporto Italia 2016 dell’Eurispes.

In due case su dieci, inoltre, ci starebbe più di un animale domestico. In particolare - stando a quanto riportato da un articolo pubblicato sul sito meteoweb.eu - il maggior numero di italiani con animali domestici risiederebbe nel Centro Italia o nelle Isole, ma al Nord-Ovest sarebbe molto diffusa la tendenza ad averne più di uno. In Sicilia e in Sardegna, invece, vi sarebbe una particolare propensione ad adottare più di tre animali. 

Eurispes 2016, cani e gatti ancora gli animali più amati

Secondo questo Rapporto poi, al Nord- Ovest sarebbe più diffuso adottare cani rispetto ai gatti, mentre al Nord-Est cani e gatti sono preferiti in egual misura. Al Sud e nelle Isole, però, si continua a prediligere i gatti, mentre aNord-Ovest sono tendenzialmente accolti anche criceti conigli. Tartarughe e pesci trovano posto nelle case degli abitanti delle Isole e del Centro Italia. 

Per quanto riguarda quanto i proprietari sarebbero disposti a spendere per i propri beniamini a quattro zampe, il Rapporto rivela che la maggior parte degli italiani non sarebbe in grado di superare i 50 euro mensili, mentre il 35% sembrerebbe riuscire a contenere le spese intorno ai 30 euro. Solo il 19% spende fino a 100 euro e pochissimi sono coloro che riescono a spendere più di 100 euro. Per la toelettatura si spende entro i 30 euro e difficilmente si spende meno di 30 euro per spese mediche e farmaci. Inoltre, c’è chi spende almeno 30 euro per l’acquisto di gadget per i propri animali, come collari, ossi di plastica o cappottini di lana.

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo