Friuli Venezia Giulia, via libera a cani e gatti sui mezzi pubblici

Friuli Venezia Giulia, via libera a cani e gatti sui mezzi pubblici
Autore:
Cani.com
01 Luglio 2015

Grazie a una nuova legge regionale, adesso i friulani potranno viaggiare su treno, bus e metrò anche in compagnia dei propri gatti e cani. Un provvedimento perfettamente in linea con la nuova campagna informativa avviata proprio da questa regione - tramite messaggi sulla carta stampata e la messa in onda di spot su emittenti radiofoniche e televisive del circuito regionale - per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’abbandono.

Friuli Venezia Giulia, via libera a cani e gatti sui mezzi pubblici

I quattro zampe potranno usufruire, dopo mesi di protese, della Trieste Trasporti Spa, della Saf autoservizi di Udine, dell'Apt di Gorizia e dell'Atap di Pordenone a patto che siano rispettate alcune regole. Ogni autobus - si legge in un articolo pubblicato su greenme.it - non potrà ospitare più di due animali per volta, anche i pet devono pagare un ticket (sono esclusi i cani guida), il proprietario è responsabile sia della pulizia del veicolo sia del comportamento dell’animale, guinzaglio e museruola sono obbligatori, ma è concesso l’utilizzo del trasportino in alternativa alla museruola. Inoltre, qualora il mezzo sia sovraffollato, il cane (o gatto) potrà essere allontanato.

Si tratta di un’altra grande conquista per i proprietari friulani, dopo il via libera nei negozi, secondo la nuova legge regionale 5/2015, così come modificata all’art. 21 comma 4 ex L. 20/2012.

Intanto, la campagna contro l’abbandono ricorda che abbandonare un cane costituisce - spiega Maria Sandra Telasca, assessore regionale alla Salute e alle Politiche sociali - “reato punibile penalmente con l'arresto sino a un anno o con l'ammenda da 1.000 a 10mila euro ma ricorda soprattutto che l'animale andrebbe incontro a morte sicura dopo aver subito gravi sofferenze, la più grave delle quali forse è l'aver patito il distacco dal proprio padrone.

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo