Libero accesso ai nostri amici a quattro zampe nelle spiagge abruzzesi: approvata legge regionale

Libero accesso ai nostri amici a quattro zampe nelle spiagge abruzzesi: approvata legge regionale
Autore:
Cani.com
09 Aprile 2014

La prossima estate cani e gatti potranno seguire i propri proprietari al mare, a patto di rispettare alcune regole e norme di sicurezza. Purtroppo ciò non sarà ancora possibile in tutte le spiagge italiane, ma sicuramente in quelle dell’Abruzzo. Qui, infatti, è stata approvata dal Consiglio regionale la legge “Norme per l’accesso alle spiagge degli animali di affezione”, con l’obiettivo di favorire il turismo nella zona e contrastare il fenomeno degli abbandoni nel periodo estivo. Si tratta di una delle prime leggi sull’argomento che viene promossa in Italia. D’ora in avanti i nostri amici a quattro zampe potranno accedere in tutte le spiagge abruzzesi, fatta salva - si apprende da un articolo pubblicato su newsabruzzo.it - la possibilità di Comuni, titolari della concessione demaniale o gestori di adottare misure limitative all’accesso degli animali alle stesse, consentendolo, invece, a quelli in regola con le normative igienico sanitarie e coperti dalle vaccinazioni. Stando alla legge, cani e gatti potranno sostare anche nel perimetro degli ombrelloni o nelle immediate vicinanze del proprio proprietario, mentre viene sempre e comunque garantito il libero accesso ai cani guida per non vedenti. L’importante è sorvegliare il proprio pet e curarne attentamente lo stato di salute, anche per maggiore sicurezza dei bagnanti, e per chi non sarà in regola con le norme riguardanti il controllo dell’identificazione e vaccinazione degli animali che verranno portati con sé sotto l’ombrellone saranno previste delle sanzioni amministrative. Ma sono anche altri gli aspetti disciplinati dalla legge approvata ieri dal Consiglio della Regione Abruzzo: i proprietari dei quattro zampe che accederanno in spiaggia hanno l’obbligo di rimuovere e smaltire immediatamente le deiezioni degli animali, oltretutto la balneazione degli stessi - se non espressamente vietata - dovrà avvenire sempre sotto stretta sorveglianza e responsabilità del proprietario. Si aggiunge il divieto d’accesso per gli animali agli stessi in luoghi particolari delle persone, come piscine, docce, giochi per bimbi, dall’altro canto si dovranno creare appositi spazi riservati agli animali per il ristoro, l’abbeveraggio o il gioco nel rispetto dei piani spiaggia. Inoltre, dovrà essere pubblicata sui siti internet della regione un’apposita sezione contenente gli elenchi di tutte le aree che consentono l’accesso a cani e gatti e i servizi offerti. Un modo per favorire l’arrivo in questa zona d’Italia di sempre più turisti in compagnia dei propri animali d’affezione. 

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo