Meno ictus e infarti per le donne over 50 con un cane

Meno ictus e infarti per le donne over 50 con un cane
Autore:
Cani.com
28 Giugno 2016

La comunità scientifica conferma ancora una volta che gli animali fanno bene alla salute. Questa volta, in particolare, un nuovo studio statunitense avrebbe rivelato che le donne, generalmente sane, al di sopra dei 50 anni hanno meno probabilità di venire colpiti da un ictus o da un infarto, se possiedono un gatto o un cane.

A questo risultato si è giunti, prendendo in esame i quasi 4mila adulti dai 50 anni di età in su e senza malattie importanti, che hanno partecipato al National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) dal 1988 al 1994, riferendo di possedere un animale. I partecipanti - si apprende da un articolo pubblicato su quotidianosanita.it - sono stati invitati a rispondere anche a domande su attività fisica, peso e altezza, fumo di sigarette e altri fattori di rischio per la salute. Più della metà erano sovrappeso o obesi. Inoltre, circa il 35 per cento possedeva un animale, nella maggioranza dei casi un cane. 

Meno ictus e infarti per le donne over 50 con un cane

Ed è così che secondo il National Death Index, nel 2006, 11 su 1000 persone che non possedevano un animale sono morte per malattia cardiovascolare, rispetto alle 7 su 1000 di chi ne era proprietario. Per quanto riguarda l’ictus poi, i proprietari di animali avevano le stesse probabilità di decesso, ma le proprietarie avrebbero mostrato il 40 per cento in meno delle possibilità di morte per questo stesso tipo di causa.

“Aneddoticamente, crediamo che portare a spasso un cane faccia bene al cuore, riduca lo stress della vita e la pressione sanguigna”, spiega Jian Zhang, autore principale della ricera. Ma nonostante i benefici riscontrati, “il nostro studio non dovrebbe essere interpretato come volto ad incoraggiare un maggior numero di persone a possedere animali, che sia un cane o un gatto. Gli animali - continua Zhang - fanno bene, ma devono essere tenuti responsabilmente”.

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo