Picchia il cane e gli fa saltare l’occhio dall’orbita: inutili i soccorsi

Picchia il cane e gli fa saltare l’occhio dall’orbita: inutili i soccorsi
Autore:
Cani.com
05 Febbraio 2014

Ha scaraventato su un povero meticcio di piccola taglia, reo solo di aver cercato un riparo nel giardino della sua casa, tutta la rabbia e l’odio che aveva dentro. Non esiste altra spiegazione al gesto crudele di un ottantaquattrenne di Casalabate, in provincia di Lecce, adesso denunciato per il reato di uccisione di animale. L’uomo - sposato e pensionato - pare non abbia per niente gradito l’intrusione del povero cane e, così, dapprima ha cercato di allontanarlo brandendo un bastone, poi - vedendo il malcapitato a quattro zampe, impaurito, rannicchiarsi su stesso - ha iniziato a picchiarlo, colpendogli il cranio e facendogli schizzare fuori dall’orbita perfino un occhio. Scene di un vero film horror. Ma non finisce qui. L’anziano signore, non contento di ciò che fino ad allora aveva commesso, ha deciso di finire lo sporco lavoro, prendendo il cane dolorante e tramortito e - si legge in un articolo pubblicato sul sito web lecceprima.it - scaraventandolo al di là della recinzione, come volersi disfarsi di tutto quell’orrore e di quel sangue. Sono stati i residenti di quest’altra abitazione a trovare la bestiola stramazzata per terra, ma ancora con un filo di vita. Da lì, la corsa in auto verso il veterinario più vicino per tentare di strappare il cane alla morte. Ma, nonostante i tentativi del medico, il povero quattro zampe non ce l’ha fatta e il suo cuore ha smesso di battere. I suoi soccorritori, però, non si sono arresi e sono andati oltre: senza nemmeno dubitare un attimo, infatti, si sono recati verso la caserma dei carabinieri di Squinzano e hanno denunciato l’ottantaquattrenne. I militari, attraverso una serie di testimonianze tutte concordanti di passanti e residenti, hanno, quindi, fermato l’uomo, che dopo qualche insistenza ha ammesso le sue responsabilità. Che la giustizia adesso faccia il suo corso. 

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo