Precipitano e rimangono intrappolati a un’altezza di 50 metri: due meticci salvati dai vigili del fuoco

Precipitano e rimangono intrappolati a un’altezza di 50 metri: due meticci salvati dai vigili del fuoco
Autore:
Cani.com
29 Gennaio 2014

Erano a passeggio con il loro padrone per una battuta di caccia sulle colline di Pomarance, in provincia di Pisa, quando si sono inerpicati sulle rocce sporgenti di una cava nella Valle Secolo, tanto che dopo non sono più riusciti a tornare indietro. Così, Morina e Fido - questo il nome dei due meticci protagonisti di questa storia - sono rimasti bloccati su una parete di roccia alta oltre cento metri. I due cani, però, devono essersi resi conto del pericolo verso cui stavano andando incontro e si sono bloccati a un’altezza di circa cinquanta metri. Il loro proprietario - un cacciatore cinquantenne di origini toscane, Silvano Garaffi - ha dapprima chiamato più volte i cani nella speranza che scendessero da soli dalle rocce. Dopodiché, fatti svariati tentativi, si è rivolto - si legge in un articolo pubblicato sul sito web greenstle.it - ai vigili del fuoco di Saline di Volterra, che hanno immediatamente inviato sul posto una squadra assieme a una macchina dei carabinieri. Il soccorso dei due cani è apparso fin da subito difficile, motivo per cui i pompieri hanno richiesto il supporto del nucleo Saf, ovvero la squadra specializzata nel recupero speleo alpino e fluviale. Ed è così che a quel punto si è messo in atto un salvataggio tanto spettacolare quanto pericoloso: un vigile del fuoco, in servizio a Saline anche se appartenente al nucleo specializzato di Pisa, ha iniziato a calarsi dall’alto per arrivare - con le imbracature e tutte le misure di sicurezza necessarie - ad afferrare i due animali. Uno alla volta li ha portati in salvo, sotto lo sguardo preoccupato del proprietario, ma anche dei colleghi che hanno seguito le varie fasi del soccorso. I due quattro zampe, per fortuna, sono stati piuttosto collaborativi e hanno reso le manovre di soccorso più facili. L’operazione è durata circa quattro ore e si è conclusa poco prima che facesse buio, condizione che avrebbe sicuramente complicato il tutto rendendo il salvataggio ancora più rischioso Ed è così che, grazie allo straordinario lavoro di questo pompiere, Fido e Morina (nessuno dei due è il cane in foto) hanno potuto fare ritorno a casa con il loro padrone: ovviamente, non appena tratti in salvo, i due meticci sono tranquillizzati e accuditi. Stanno bene e adesso possono ritornare a dormire sonni tranquilli, gettandosi alle spalle quella che è stata solo una brutta avventura.

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo