Pulci e zecche: tutto quello che c'è da sapere!

Pulci e zecche: tutto quello che c'è da sapere!
Autore:
Cani.com
25 Febbraio 2016

Si avvicina la primavera e, quindi, il periodo in cui il rischio di pulci e zecche inizia ad aumentare, sebbene sia altrettanto vero che esse possano proliferare anche d’inverno soprattutto per via degli ambienti di casa riscaldati.

Le zecche possono trasmettere diverse malattie anche molto pericolose, per questo vanno tenute alla larga! Si trovano soprattutto nelle zone boschive, ma passeggiando sui marciapiedi con erbacce incolte o luoghi particolarmente sporchi è ugualmente possibile infestarsi. Per questo è bene controllare il proprio amico a quattro zampe periodicamente: collo, orecchie e ventre sono le parti del corpo che più preferiscono.

Stessa cosa vale per le pulci, che sembrano minuscoli granellini di sabbia: solitamente quando se ne trova una sul cane, è possibile che ne siano tante altre. Possono variare per dimensione, da quelle piccole a quelle grandi, e sono pericolose perché possono veicolare una serie di malattie al cane, oltre a dermatiti dovute ad allergie alle loro punture.

Pulci e zecche: tutto quello che c'è da sapere!

Molti proprietari sottovalutano il problema di pulci e zecche ritenendo che, vivendo al cane in un ambiente pulito, i loro amici a quattro zampe non possono contrarre mai questi parassiti. Invece, è consigliabile fare una prevenzione durante tutto l’anno. Inoltre, se si hanno più animali a casa, mettere il cane con i parassiti in un altro posto e controllare che gli altri non si siano infettati.

In mercato esistono numerosi prodotti antiparassitari - sia chimici che naturali e sotto forma di spray, collari e compresse - per tenere alla larga pulci e zecche. Occorre stare attenti perché, relativamente alla prima categoria di prodotti, alcuni sono efficaci solo nei confronti dei parassiti adulti, mentre è meglio optare per quelli che hanno efficacia anche sulle uova e sulle larve. Oltretutto, la preferenza dovrebbe cadere sugli antiparassitari più recenti, poiché con il tempo i parassiti acquisiscono una difesa contro un certo medicinale e diventano resistenti ad esso.

Quando - si apprende da un articolo pubblicato su addetsramentocaniblog.it - il cane presenta pochi parassiti, difficilmente riusciremo a riconoscere una sintomatologia precisa e a volte il cane non ha neppure l’istinto di grattarsi. Quindi, per evitare che Fido sia infestato da pulci e zecche, è sempre bene controllare ogni tanto il pelo del nostro animale, alla ricerca di possibili parassiti. Nel caso lo sia, una volta che si è pensato alla prevenzione o alla cura dell’animale, meglio disinfettare anche cuccia, cuscini ma anche divani e tappeti, facendo in modo che durante queste operazioni il quattro zampe stia ben lontano.

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo