Salvataggio in acqua, al via i corsi Sics

Salvataggio in acqua, al via i corsi Sics
Autore:
Maria Angela
26 Settembre 2011

Al via i corsi con brevetto SICS della Scuola Italiana Cani Salvataggio dai quali si formeranno le Unità Cinofile di salvataggio in acqua. Il corso presso la Scuola Italiana Cani Salvataggio Abruzzo per l'anno 2011/2012 inizierà in data 25 Settembre 2011 ore 10.00 presso il Parco dei Cigni a San Giovanni Teatino (Ch). Per il Molise si inizierà in data 01 Ottobre 2011 presso Hotel a quattro zampe, Termoli, c.da Parco Del Duca. Per quanto riguarda il Gargano, inizierà in data 02 Ottobre 2011 presso l’Althea Village, Località Defensola 3, Vieste. Solo i cani preposti al salvataggio, potranno affrontare questo meraviglioso percorso: Labrador, Terranova, Golden Retriever e Leonberger.


Requisiti
Avere uno di questi cani come razza, ben socializzato con le persone e con gli altri cani; il proprietario deve saper nuotare bene, ma soprattutto avere il desiderio di impegnare il proprio tempo libero per gli altri.

La Scuola Cani Salvataggio Abruzzo ha sede a Pescara ed è una Sezione della Scuola Italiana Cani Salvataggio, la più grande organizzazione a livello nazionale dedita alla preparazione dei cani e dei loro conduttori (le cosiddette Unità Cinofile) al salvataggio nautico. Per ottimizzare le capacità di intervento e le tecniche di soccorso usate dalle Unità Cinofile, la Scuola organizza esercitazioni di Protezione Civile in collaborazione con le Capitanerie di Porto, i nuclei elicotteristi della Guardia Costiera, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza ed i reparti SAR dell’Aeronautica Militare. Negli ultimi anni le unità cinofile addestrate alla Scuola hanno tratto in salvo oltre 80 persone in procinto di annegare. I risultati si vedono, sono ormai decine le persone salvate dalle unità cinofile della Scuola (sia in mare che nelle acque dei laghi) inserite nei ruolini della Protezione civile a fianco delle unità cinofile di superficie e valanga del soccorso alpino. Obiettivo è la formazione di unità cinofile da salvataggio nautico che prestino volontariamente e gratuitamente soccorso e assistenza alle persone in difficoltà nelle acque interne e marine nazionali e che forniscano assistenza alle popolazioni colpite da calamità naturali o catastrofi con l’impiego di cani brevettati dalla Scuola Italiana Cani.


Salvataggio Nautico
Le unità cinofile ed i volontari operano nell’ambito e nel rispetto della legge quadro sul volontariato e di ogni altra disposizione legale ed amministrativa in vigore. Promuove e svolge, anche in collaborazione con altri Enti privati o pubblici operanti per finalità o fini complementari, tutte le attività culturali, didattiche, di ricerca scientifica, sportive e ricreative che possano essere utili per la diffusione di principi di solidarietà umana, civile e sociale, oltre a diffondere una cultura cinofila in cui il cane possa essere compreso come soggetto indispensabile e complementare all’operato umano e dispensatore di aiuto a tutti coloro che volessero avvicinarlo.
Le nostre partecipazioni alle iniziative del Dipartimento di Protezione Civile Abruzzo stanno vivendo una fase di grande espansione, con nuove partecipazioni ad esperienze di sostegno sociale che ci permettono di esprimere la nostra energia solidale condivisa con altre istituzioni. Nella passate stagioni estive, le Unità Cinofile della Scuola Cani Salvataggio Abruzzo, sono state impegnate ad effettuare molteplici pattugliamenti sulla costa abruzzese ed imbarcate sulle motovedette della Capitaneria di Porto di Pescara, Maratea, Taranto, Savona, Porto Cesareo ecc. con il compito di salvataggio nautico, nell’ambito del progetto “Mare Sicuro”, in quanto le Unità Cinofile (cane e conduttore) sono appositamente addestrate ed attrezzate per intervenire a nuoto lanciandosi dalle motovedette e dagli elicotteri del SAR in pattugliamento per il recupero di uno o più pericolanti.
Il lavoro ha permesso a tutti gli equipaggi di effettuare addestramenti e simulazioni di intervento con le Unità Cinofile, familiarizzando con le loro tecniche operative e mettendo a punto nuove modalità di intervento comuni. La modalità operativa dei pattugliamenti sotto costa, ha previsto sia la presenza a bordo che lo sbarco delle Unità Cinofile sul litorale per effettuare dei pattugliamenti a piedi delle spiagge libere o attrezzate, durante i quali le Unità Cinofile incontravano la popolazione e spiegavano il valore della nuova iniziativa di prevenzione e sicurezza intrapresa dalle varie Capitanerie di Porto, attraverso l’utilizzo di Unità Cinofile da Salvataggio. L’aspetto riguardante l’immagine e l’impatto sull’opinione pubblica è stato probabilmente il successo più eclatante di questa iniziativa.
Questa crescita, senza dubbio positiva, richiede degli sforzi ulteriori rispetto a quelli, enormi, che già si stanno facendo. Far crescere la nostra organizzazione con il sociale, infatti, richiede un grande impegno da parte dei nostri volontari che viene ripagato col vederli impegnarsi per poter raggiungere risultati positivi mettendo in campo ideali, valori veri e sano spirito di sacrificio. Quello spirito di sacrificio che è elemento indispensabile per la preparazione alle attività condivise con i nostri essenziali e inseparabili amici a quattro zampe. Le Unità Cinofile della Scuola Cani Salvataggio Abruzzo, sono regolarmente impegnate in attività di promozione e sensibilizzazione, attraverso l’organizzazione di manifestazioni pubbliche che catalizzano l’attenzione di migliaia di spettatori e dei più importanti Network televisivi nazionali ed esteri.
L’attività di promozione si estende anche a programmi di carattere sociale e ambientale in cui sono coinvolti principalmente i giovani, i bambini della scuole, i portatori di handicap, ecc. Il nostro impegno nel sociale è tanto più doveroso quanto la necessità di agevolare i nostri volontari con un opportuna mobilità di trasferimento nel territorio che, ripeto, viene sempre e comunque svolta insieme ai nostri amatissimi cani prettamente razze Labrador, Golden e Terranova.


“Quest’anno abbiamo raggiunto il traguardo delle 350 unità cinofile da salvataggio con brevetto SICS e solo quelli con brevetto operativo SICS”, spiega Mariangela De Michele, Presidente della SICSABRUZZO “sanno operare volando con gli elicotteri o tuffandosi dalle motovedette della Guardia Costiera. Testiamo i cani e i conduttori su distanze di 500-1000 metri e ogni anno, verifichiamo il brevetto rinnovandolo su esame”.
Le Unità cinofile SICS saranno operative e si integreranno attivamente nel già collaudato sistema di prevenzione e sicurezza. La SICS è l’unica Associazione di Protezione Civile che certifica le proprie Unità Cinofile con un Brevetto Operativo abilitando i propri Istruttori e verificando veramente il reale grado di preparazione raggiunto sia dal cane che dal conduttore. Terranova, Labrador, Golden Retriever e Leonberger sono le razze per elezione, selezionate per questa specialità di protezione civile. Grazie a questi cani, che possono rimorchiare più persone per più di un’ora, che sentono le correnti ed hanno un istinto al salvataggio incredibile, che sanno tuffarsi senza esitazione da 2 metri di altezza sia da elicottero che da motovedetta, si possono incrementare le azioni degli uomini creando le famose unità cinofile da salvataggio della SICS.
Nella passate stagioni estive, le Unità Cinofile della Scuola Italiana Cani Salvataggio, sono state impegnate ad effettuare molteplici pattugliamenti sulle coste italiana imbarcate sulle motovedette della Capitaneria di Porto di Genova,Trieste,Venezia, Lazio, Abruzzo, Puglia, Campania, Sardegna, Calabria, Sicilia e sui laghi. Dal 2011 si è presenti sul Lago Maggiore con il II° nucleo della Guardia Costiera, sul Lago di Como con la Polizia Provinciale, sul Lago di Iseo con la Polizia Provinciale e la Protezione Civile e sul Lago di Garda con il compito di salvataggio nautico, nell’ambito di molteplici progetti, in quanto le Unità Cinofile (cane e conduttore) sono appositamente addestrate ed attrezzate per intervenire a nuoto lanciandosi dalle motovedette SAR in pattugliamento per il recupero di uno o più pericolanti. La Scuola Italiana Cani Salvataggio e la Squadra Italiana Cani Salvataggio, nate da una idea di Ferruccio Pilenga di quasi ventidue anni fa, sono ora una realtà unica a livello internazionale.
Sono più di 350 le unità cinofile SICS che presteranno servizio in tutta Italia per la sicurezza di tutti. Ad oggi sono state salvate già 18 persone dalle Unità Cinofile SICS a dimostrazione dell’alta preparazione e operatività messa in campo. Le Unità Cinofile oltre ad essere in possesso del Brevetto di Salvataggio SICS Riff. Autorizzazione servizio salvataggio con Unità Cinofile brevetto S.I.C.S.® Ministero Trasporti e Navigazione - Maricogecap - Comando Generale Capitanerie di Porto (8 giugno 1996 - 18 giugno 1996) sono in possesso anche dell’abilitazione al salvamento con brevetto di soccorso e sono operatori BLSD.


Per informazioni: 339 54.93.801
www.sicsabruzzo.it

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo