Tatua un cuore sul suo cane appena operato: è polemica

Tatua un cuore sul suo cane appena operato: è polemica
Autore:
Cani.com
07 Marzo 2014

Ha colto l’occasione di un intervento al quale è stato sottoposto il suo cane - necessario per rimuovergli la milza - per tatuargli all’altezza della spalla un cuore trafitto da una freccia con al centro i nomi Alex e Mel, rispettivamente amico e moglie. Autore del gesto, che ha scaturito una valanga di polemiche sul web, è un giovane tatuatore newyorkese di nome Metro Mistah, che, una volta conclusa la sua “opera d’arte”, ha pensato bene di pubblicarne la foto sul proprio profilo Instagram. Da lì l’insorgere degli animalisti e non solo: numerosi i messaggi d’indignazione che invitano il ragazzo, ma anche il veterinario che avrebbe dato il suo assenso a fare una cosa del genere sul povero quattro zampe ancora anestetizzato, a non svolgere più la propria attività. Ha preso le distanze dalla vicenda, invece, il datore di lavoro - un certo Chris Torres - del tatuatore, Chris Torres, dichiarando: “Il cane non è stato tatuato in questo negozio”. Intanto - così come si apprende in un articolo pubblicato sul sito giornalettismo.com - l’Aspca (American Society for the Prevention of Cruelty to Animals), precisando di accettare comunque il tatuaggio dei cani a fini identificativi, fa sapere: “Il tatuaggio di un animale per il divertimento del proprietario, senza alcun interesse per il suo benessere, non è qualcosa che possiamo sostenere”. D’altra parte, la scritta apparsa sotto la foto sembra inequivocabilmente confermare quale sia stato l’obiettivo del gesto di questo giovane newyorkese: “Uno dei tanti motivi perché il mio cane è più f**o del tuo”, si legge su greenstyle.it. Ciò, ovviamente, fa ancor più infuriare gli utenti del web, che dinanzi a questo ‘orrore’ dichiarano: “Peccato che il cane non possa parlare. Avrebbe qualche parola da dire!”. Oppure: “Come fa un veterinario a lasciar tatuare un cane ancora sotto anestesia?”. Ce lo chiediamo anche noi. 

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo