Vendita di cuccioli in negozio, Londra pronta a vietarla

Vendita di cuccioli in negozio, Londra pronta a vietarla
Autore:
Cani.com
27 Dicembre 2018

Contrastare il traffico illegale di cuccioli di cane e gatto, vietandone la vendita in negozio. È quanto si propone di fare la Gran Bretagna con un provvedimento presentato dal governo a ottobre e ora all’esame del Parlamento. Gattini e cagnolini con meno di sei mesi potranno così, in territorio britannico, essere acquistati direttamente dagli allevatori o adottati nei canili, diversamente che in Italia dove è previsto per legge solo la restrizione sui due mesi.

Vendita di cuccioli in negozio, Londra pronta a vietarla

Questa proposta di legge prende il nome da Lucy, una cagnolina che dopo aver trascorso cinque anni in una gabbia del Galles, costretta a mettere al mondo svariate cucciolate, è stata salvata nel 2013 per poi morire dopo solo tre anni, a causa di alcune complicanze dovute proprio al suo precedente stato di cattività. La cagnetta è diventata la mascotte di un’importante campagna lanciata sui social e dalla sua storia è stata, per l’appunto, tratta ispirazione per la proposta di legge adesso all’esame. Provvedimento che “impedirà a molti cani - ha dichiarato Caroline Kisko, segretaria del Kennel Club, come riporta corriere.it - di soffrire e invierà un messaggio molto forte a chi vuole comprare i cani, che non è mai ok vendere un cucciolo in un altro ambiente che non sia quello in cui è nato ed è stato allevato e con la sua mamma”.

 

 

 

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo