La storia di Leo, che per 4 anni ha atteso i suoi proprietari allo stesso incrocio

La storia di Leo, che per 4 anni ha atteso i suoi proprietari allo stesso incrocio
Autore:
Cani.com
16 Settembre 2019

Da quattro anni se ne è stato seduto allo stesso incrocio, come ad aspettare qualcuno. Adesso ha ritrovato i suoi proprietari. È la storia di Leo, proveniente dalla città di Khon Kaen in Thailandia, e tramite la condivisione sui social in poco tempo divenuta virale in tutto il mondo.

Stando a quanto riportato da greenme.it, il quattro zampe per molto tempo è stato scambiato dai residenti della zona in cui attendeva pazientemente per un cane randagio o abbandonato. Questo fino a quando, un giorno, un ragazzo incuriosito dal suo strano atteggiamento ha deciso di saperne di più. Ed è così che si è scoperto che il cagnetto stava lì da circa quattro anni, che una donna del posto di nome Saowalak aveva deciso di adottarlo, solo che dopo un po’ Leo era scappato di casa ritornando allo stesso incrocio. La sua neo proprietaria aveva quindi deciso di lasciarlo libero, portandogli acqua e cibo ogni giorno. Il giovane poi, ritenendo tale storia molto bella, l’ha postata su Facebook, pubblicando la foto del cane e della donna che se ne prendeva cura. In questa maniera è venuto alla scoperto dell’altro.

La storia di Leo, che per 4 anni ha atteso i suoi proprietari allo stesso incrocio

Leo in realtà si chiama BonBon e appartiene a due coniugi della provincia di Roi Et, che avevano perso il quattro zampe durante un viaggio a Khon Kaen nel febbraio 2015. La coppia aveva cercato il cane ovunque senza averne mai notizie. Adesso, vedendo la sua foto circolare in rete, hanno scoperto che è vivo e che li aspetta fedelmente dal giorno in cui si è smarrito. I due si sono così messi in viaggio per riabbracciarlo e riportarlo a casa, ma Leo, affezionato alla sua nuova amica umana, non è voluto andare via dal luogo in cui in questi anni si è abituato a vivere. E i suoi proprietari hanno deciso di non forarlo.

 

 

 

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo