L'obesità negli animali da compagnia

L'obesità negli animali da compagnia
11 Novembre 2012

L’obesità e il sovrappeso rappresentano un serio problema assai frequente negli animali da compagnia, spesso sottovalutato. Le cause d’incremento di peso sono da imputare a una cattiva educazione alimentare, intesa come scelta di tempi, modalità, qualità e quantità soggettive con le relative differenze etologiche e metaboliche esistenti tra canini e felini. A questo è necessario aggiungere le differenze nell’ambito di razze e attitudini.
Il rapporto tra un proprietario e il proprio animale domestico è basato su una scala gerarchica, in cui l’animale dipende da un punto di vista nutrizionale completamente dall’uomo. Il problema è dovuto al fatto che ogni proprietario affida il concetto di educazione alimentare al proprio buon senso, che spesso subisce l’influenza di molteplici fattori emotivi, privati, culturali, sociali perdendo oggettività.


La richiesta alimentare da parte dell’animale domestico è in relazione all’appetibilità, all’abitudine e alla noia; questi fattori, però, non rappresentano una vera necessità, ma lo diventano agli occhi del proprietario che spesso diventa erroneamente succube delle richieste del proprio animale, convincendosi di fare il suo bene. Un altro fattore importantissimo e compensatore è l’attività fisica, che per quanto riguardo il cane non può essere limitata alla passeggiata di dieci minuti al parchetto sotto casa! Il quattro zampe  in sovrappeso, inoltre, diventa più pigro, sedentario e riluttante all’attività fisica. 

A cura dello staff della Clinica Veterinaria Borgarello

L'obesità negli animali da compagnia

L’equazione fondamentale di un organismo sano è la relazione tra la quantità di calorie assunte e quelle consumate, che può avere delle enormi variazioni secondo la tipologia individuale. L’aumento di massa corporea si traduce non solo in un accumulo di grasso corporeo, ma anche in una serie di effetti diretti e indiretti sull’intero organismo e ciò può causare gravi patologie. La soluzione non può essere improvvisata! Il vostro veterinario potrà consigliarvi un’appropriata prevenzione con una dieta casalinga o commerciale. La dieta casalinga è più sana, ma difficile da impostare e meno pratica, mentre l’ampia scelta commerciale permette una dieta più facile e rapida. Si può ridurre il peso con diete ipocaloriche, casalinghe o commerciali, e un’appropriata attività fisica. Nei casi di obesità conclamata, oltre a diete ipocaloriche, l’uso pure di recentissimi trattamenti farmacologici permetteranno, se ben seguiti, insperati risultati: giorno dopo giorno il vostro animale diventerà più sano e longevo.

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo