Come insegnare il richiamo al cane

Come insegnare il richiamo al cane
Autore:
Cani.com
05 Febbraio 2016

Il richiamo è il primo dei segnali che andrebbe insegnato a un cane. Un segnale che, in certe circostanze, può davvero salvare la vita al nostro amico a quattro zampe. Ma è anche vero che molto spesso i proprietari si lamentano perché Fido sembra non ascoltarli affatto. Ecco, quindi, alcuni semplici consigli che possono aiutarvi ad avere un buon richiamo.

Tono di voce sereno

Un errore molto frequente è quello di richiamare il proprio cane con un tono di voce troppo militaresco, quasi arrabbiato, e di utilizzare una postura altrettanto minacciosa. Se non ci rendiamo abbastanza divertenti e tranquilli, il cane non verrà mai. Invece, se vi mostrerete contenti, anche lui sarà più felice di raggiungervi.

Come insegnare il richiamo al cane

Ricompensare sempre il vieni

Che sia un succulento bocconcino, un gioco oppure una semplice gratificazione verbale come il “bravo!”, Fido va sempre ricompensato quando richiamato. Così, ogni volta, sarà piacevole venire da voi. Assieme alla ricompensa, occorre anche tanta pazienza.

Come insegnare il richiamo

Scelta la parola con cui volete richiamare il vostro amico a quattro zampe (che non sia il suo nome, che potrebbe spiazzarlo), chiamatelo quando lo vedete distratto per poi ricompensarlo quando vi raggiunge. Ripetendo più volte l’esercizio, vedrete che ben presto assocerà la parola prescelta al richiamo. Iniziate in uno spazio ridotto e con poche distrazioni, per poi esercitarvi in uno spazio sempre più aperto e con più stimoli. Il cane dovrà rispondere al richiamo ovunque vi troviate.

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo