Alaskan Malamute rubato e rivenduto al ristorante cinese

Alaskan Malamute rubato e rivenduto al ristorante cinese
Autore:
Cani.com
21 Novembre 2014

Un bellissimo esemplare di Alaskan Malamute - adottato nel 2005 da un allevamento di Los Angeles e costato 8.500 dollari - è stato rubato e rivenduto a un ristorante cinese, per diventare un succulento piatto per clienti nella città di Tonghua, nella zona settentrionale della Cina. Un tragico epilogo per il suo proprietario - un certo Yang Xu di 33 anni, gestore di un negozio di pneumatici - che in questi anni aveva investito cure e denaro per il benessere dell’animale. Per non parlare, poi, dell’affetto provato nei suoi confronti. Stando a quanto appreso da un articolo pubblicato sul sito greenstyle.it, la vicenda risalirebbe alla sera del 9 novembre, quando un gruppo di ladri ha attirato Ruizhi - questo il nome del Malamute, che significa “saggezza” - con l‘inganno. Il quattro zampe, solito gironzolare nel negozio del suo “papà umano”, si è fatto a un certo punto distrarre da una cagnolina in calore di razza Golden Retriever. Nel frattempo, i suoi rapitori stavano a poco distanza a osservarlo. Ed è così che l’animale, incuriosito dalla quattro zampe, si è allontanato dal negozio ed è stato catturato dalla banda che, in breve tempo, l’ha rivenduto a un commerciante e, quindi, al ristorante Runda per soli 950 yuan, circa 110 euro. Una pratica, quello dell’acquisto e della vendita della carne, in Cina abbastanza consolidata. Si è riuscitia ricostruire l’accaduto grazie al video di sorveglianza, che ha permesso di identificare uno dei ladri e il ristorante. Adesso Yang Xu, addolorato per quanto accaduto, chiede giustizia per il suo amato Malamute. 

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo