Cani e gatti sentinelle dei tumori

Cani e gatti sentinelle dei tumori
15 Aprile 2009

Cani e gatti sentinelle dei tumori dell'uomo. È da quest'intuizione scientifica che nasce il C.o.c., il Centro di Oncologia Comparata di Roma pensato e realizzato come progetto comune dal servizio veterinario dell'Asl Rm/B, l'Università di Tor Vergata e l'Istituto Zooprofillattico Sperimentale di Lazio e Toscana (Izslt) con il patrocinio della Regione Lazio.

Gli obbiettivi del C.o.c sono:
- arrivare a una mappatura epidemiologica dei tumori di cani e gatti per confrontarli con i dati relativi all'incidenza di queste malattie sugli esseri umani in un determinato territorio.
- sviluppare un un vaccino contro le recidive di particolari tumori della mammella.
L'animale domestico condivide con l'uomo l'esposizione ai fattori oncogeni esterni legati all'urbanizzazione, è soggetto agli stessi virus e talvolta l'alimentazione. Alcuni tipi di neoplasie dei cani e dei gatti, tra cui quelle alla mammella e al collo dell'utero, hanno caratteristiche simili ai tumori dello stesso tipo che colpiscono gli umani. Gli animali domestici, dunque, possono essere considerati veri e propri indicatori biologici da cui l'uomo può partire per correre ai ripari, giocando d'anticipo sull'insorgere della malattia.

Nel laboratorio del C.o.c. confluirà il materiale patologico prelevato dai singoli ambulatori. I tecnici del Centro oncologico eseguiranno gratuitamente le diagnosi e compileranno schede anamnestiche che serviranno all'elaborazione dei dati e alla creazione del registro dei tumori animali. Questo database verrà poi confrontato con l'archivio dei casi di tumori umani realizzato dal gruppo di ricerca dell'Università di Tor Vergata.

VOTO DEGLI UTENTI

TAGS

Commenta l' articolo