Dog grooming, la nuova moda di colorare i cani

Dog grooming, la nuova moda di colorare i cani
Autore:
Cani.com
15 Luglio 2013

Dopo i tatuaggi e gli smalti per unghie, esplode una nuova quanto - permettetemelo - sconcertante e bizzarra moda riguardante i nostri amici a quattro zampe. Si chiama “dog grooming” ed è la tendenza a colorare il pelo del proprio cagnolino per fargli assumere le sembianze di un altro animale, come la iena, il leone o il leopardo. Secondo quanto si apprende da un articolo pubblicato sul sito web velvetstyle.it, c’è chi dice che sia una moda nata in America e chi, invece, sostiene che abbia avuto origine in Cina. Pare, comunque, che sia dilagata considerevolmente in California da quando una toelettatrice professionista che vive e lavora a Capistrano beach, Catherine Opson, ha iniziato a vincere numerosi premi per la creatività e l’estro con i quali tinge gli animali che le capitano - ahimè - sotto mano. I poveri malcapitati a quattro zampe vengono trasformati da docili animali a bestie feroci della savana attraverso l’applicazione sulla loro pelliccia, precedentemente tosata e modellata, di colori a base vegetale. La tendenza sembra “colpire” soprattutto barboncini, maltesi e altri cani a pelo lungo. La toelettatrice californiana ha iniziato a sperimentare questa nuova tecnica sui suoi due cani, Kobe e Porsche: dipingendo con i colori più disparati le loro orecchie, zampe, code, come pure tutto il resto del corpo, ha deciso di donare loro un look decisamente più tenace e aggressivo. La Opson - si continua a leggere nell’articolo - ha definito questa sua passione non un capriccio da esteta, ma una vera e propria forma d’arte. In effetti, a essere d’accordo con lei, sono anche i sostenitori di una corrente più estrema del dog grooming, chiamata, neanche a dirlo, “extreme dog grooming”: in questi casi, l’animale viene letteralmente trasformato in “altro da sé”, divenendo un capo indiano, un bisonte, una distesa di fiori. Ovviamente non sono mancate le reazioni e le polemiche degli animalisti, che considerano tale pratica una vera forma di crudeltà nei confronti nei nostri amici a quattro zampe, ma i groomers e i proprietari dei cani amanti del “pelo tinto” si difendono dicendo che i loro fedeli amici amano essere riempiti di attenzioni, poiché adorano sentirsi protagonisti e coccolati. Intanto su YouTube è possibile trovare tutta una serie di video tutorial, dove vengono illustrate le tecniche utilizzate per eseguire il dog grooming più cool: è possibile vedere colorazioni di ogni tipo, toelettature ultra professionali, come pure cotanature di pelo all’ultimo grido.

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo