Due ragazzini torturano un cane e poi postano il video su Facebook: arrestati

Due ragazzini torturano un cane e poi postano il video su Facebook: arrestati
Autore:
Cani.com
03 Marzo 2014

Un cane di appena cinque mesi oggetto di sevizie da parte di due minori: uno l’ha lanciato in aria, l’ha sbattuto a terra e l’ha riempito di pugni tenendolo ben fermo, l’altro ha filmato tutto - per poi postare il video su Facebook - non riuscendo a trattenere la risatina. Ma è stato proprio il filmato, che ha registrato più di duemila condivisioni, a inchiodare gli autori di questo gesto folle: i due, infatti, sono stati arrestati e ora sono accusati di maltrattamenti su animali. È successo a St. Louise, negli Stati Uniti. Si può definire tale vicenda l’orrore nell’orrore. Il primo si è consumato nel momento in cui il povero cagnolino ha conosciuto la crudeltà e la violenza di questi due ragazzini, l’altro è quello che si prova a pensare che siano stati proprio loro a commettere questo atto così ignobile, vista la loro giovane età. Per fortuna è stato possibile evitare altri episodi del genere grazie all’intervento degli utenti di Facebook, che hanno inviato il video incriminante alla polizia di St. Louise. Adesso entrambi i giovani carnefici - nonostante uno si sia limitato solo a filmare - si trovano in una struttura di detenzione minorile. Secondo quanto si legge in un articolo pubblicato sul sito vnews24.it, la madre di uno di loro si è detta esterrefatta da tale comportamento, come spesso accade di sentire o leggere in situazioni di questo tipo: genitori completamente ignari della reale natura dei propri figli, considerati anzi di indole coscienziosa. Il povero quattro zampe, invece, è stato preso in custodia da un’associazione animalista locale, per gli accertamenti medici e per le cure di cui ha bisogno a seguito del pestaggio. Oltre che dalle ferite fisiche si spera possa riprendersi presto anche da quelle profonde dell’animo e ritornare ad avere fiducia in quell’essere, a volte così tanto crudele, che è l’uomo. 

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo