Gli abbracci? Stressano Fido!

Gli abbracci? Stressano Fido!
Autore:
Cani.com
29 Aprile 2016

Chi almeno una volta non ha avuto la tentazione di abbracciare il proprio amico a quattro zampe? C’è chi lo fa regolarmente ogni giorno o addirittura ogni momento. Ma vi siete mai chiesti se tutto ciò gli fa davvero piacere? Gli abbracci non sembrano particolarmente amati da Fido. Anzi, li detesterebbe proprio. È quanto riportato in un articolo pubblicato su Psychology Today da Stenley Coren, professore specializzato in comportamento canino presso l’University of British Columbia.

I segnali di disagio

Stando a quanto riportato da Coren, sarebbero tre i segnali di stress e disagio che potremmo osservare nel nostro beniamino a quattro zampe, quando lo abbracciamo: il primo - si legge su focus.it - è lo spostamento della testa nella direzione opposta rispetto allo stimolo ansiogeno, spesso accompagnato da una chiusura parziale degli occhi; il secondo sarebbe la parte bianca dell'occhio, che normalmente non si vede; il terzo è la posizione delle orecchie, che nei cani stressati sono abbassate e piegate verso il capo (vedi foto con bambina).

Gli abbracci? Stressano Fido!

Le osservazioni di Coren

Analizzando 250 foto di abbracci tra uomo e cane trovate su Flickr o su Google Images, Coren ha rintracciato almeno uno di questi tre segnali nell'81,6% dei cani ritratti. Il 7.6% invece non mostrava alcun segno di disagio nell'abbraccio umano, mentre il 10,8% dava risposte neutre o ambigue. Ma perché i cani non amano gli abbracci? “I cani - spiega Coren - sono 'programmati' per scappare. Ciò implica che in momenti di stress o di sofferenza la prima difesa che mette in atto non sono i denti, ma la loro abilità di fuggire via. Gli specialisti del comportamento - aggiunge il professore - credono che privando un cane della possibilità di far questo, immobilizzandolo con un abbraccio, si possa contribuire ad aumentare i suoi livelli di stress e, se questi sono già elevati, c'è il rischio anche che morda". 

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo