New York, il cane muore e la padrona lo clona

New York, il cane muore e la padrona lo clona
Autore:
Cani.com
14 Gennaio 2012

Quando un cane fa il suo ingresso in una casa, si sa, diventa con il tempo un membro della famiglia, arrivando ad essere trattato in molti casi come un vero e proprio figlio. La sua morte poi, nella maggioranza dei casi, può provocare un dolore così profondo, da essere paragonabile quasi o del tutto a quello per un qualsiasi altro caro scomparso. Può portare una sofferenza del genere a pensare di voler sostituire il proprio animale deceduto con un altro assolutamente identico? Sì, è accaduto a New York. Proprio perché devastata dalla morte del suo tanto amato cagnolino Trouble, una donna ha deciso bene di sostituirlo con un suo clone. Danielle Tarantola, questo il nome della padrona in questione, non ha esitato, così, a pagare ben 32 mila dollari a una compagnia della Corea del Sud, per avviare le procedure di clonazione del suo carissimo quattro zampe. Questo paese, infatti, è l’unico al mondo in cui è possibile effettuare una cosa del genere. Fatto ciò, a colmare il vuoto lasciato da Trouble è nato il suo doppio, ovvero Double Trouble: «Non noto la differenza tra i due, il modo in cui si muovono e giocano - afferma la padrona dell’animale scomparso e ora clonato - è identico». Come anche riportato dal giornale Leggo, la donna sembra aver ricevuto Trouble in regalo all’età di 18 anni, diventando per lei da subito come un figlio. Veniva trattato quasi come un essere umano, vestito con abiti insoliti e trasformato perfino in paggetto in occasione del suo matrimonio. Già nel 2005, Danielle Tarantola pensò di clonare il suo cagnolino, quando ancora era in vita, per poter vedere la sua reazione. Poi lasciò perdere, preferendo aspettare. Proprio in quell’occasione, però, dopo una visita fece prelevare al veterinario un campione del dna dell’animale, conservandolo fino alla sua morte. Dopo la scomparsa dell’amato peloso, tre anni fa, la donna fu talmente devastata dal dolore, da far dipingere un muro di casa con il volto gigante di Trouble, con cui parla ogni giorno. Stessa cosa con cuscini e copriletto, in cui si trova stampato il suo dolce faccino. Poi la decisione di ricorrere alla clonazione, che ha suscitato moltissime critiche nei confronti della donna. Noncurante di tutto ciò, Danielle Tarantola afferma decisa: «Sono incredibilmente felice, questa è la mia decisione. Non riuscirò mai a sostituire Trouble, ma amo Double Trouble nello stesso modo».

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo