4 febbraio 2014
2 min

Chiuso in balcone con il muso fasciato per non abbaiare: il web s’indigna

maltrattamento
Da qualche giorno le sue foto circolano in Rete attraverso Facebook, suscitando la rabbia e l’indignazione di molti. Si tratta di un “pastore tedesco, tristissimo. Disperato. Relegato – scrive l’Ente nazionale protezione animali sulla sua pagina, come si apprende dal sito qn.quotidiano.net – su un terrazzo di un’abitazione a Crotone, in via Foscolo. Senza acqua né cibo. Notte e giorno. Ma soprattutto con il muso bloccato da una sorta di museruola a fascia. Chi lo ha ridotto così – aggiunge l’Enpa – ha pensato anche di tappargli la bocca per evitare che potesse abbaiare. E magari attirare l’attenzione dei vicini. E invece quel povero cane senza più voce né dignità è stato notato”. E così, in seguito al polverone alzato sul web e le migliaia di segnalazioni arrivate all’associazione animalista, è scattata la denuncia alla Procura del proprietario del quattro zampe: l’ipotesi di reato è maltrattamento di animali ai sensi degli art. 544 ter e 727 del Codice penale. Ma è un vero e proprio giallo. I volontari dell’Ente di Crotone – si legge in un articolo pubblicato su diregiovani.it – si sarebbero, infatti, mossi recandosi nell’abitazione incriminata e la situazione sembrerebbe essere diversa da quella che appare: “ Informiamo tutti gli amanti degli animali che il cane sta bene. Gode di ottima salute – fanno sapere – e non è mai stato costretto con il nastro adesivo. Il cane, come peraltro aveva già accertato la polizia ieri sera (ndr. non si riferisce a ieri, ma un altro giorno), non è maltrattato!!! Trattasi di un pastore tedesco regolarmente posseduto, con libretto vaccinazioni in regola e anche tessera dei bagni mensili. Quella che si vede in fotografia – specificano ancora – è una museruola che è stata applicata al cane per un arco temporale ristretto (per come riferito dal proprietario)”. Dal suo canto – si apprende ancora da qn.quotidiano.net – il presidente del Partito Animalista Europeo, Stefano Fuccelli, dichiara: “Rimango non poco sorpreso della dichiarazione di associazioni animaliste locali secondo le quali, a seguito di verifica, il cane non è e non è mai stato maltrattato […]. Per noi non è così, del resto la foto non lascia interpretazione di sorta, detenere un cane con la museruola per non farlo abbaiare non è compatibile con la natura etologica di specie e per questo abbiamo conferito mandato al nostro legale Avvocato Cugini di presentare atto di denuncia querela contro il proprietario”.