28 agosto 2013
3 min

Matrimonio tra cani poliziotto in Sri Lanka. Ed è subito polemica

Nozze in pieno stile buddista, con tanto di piattaforma rituale, fiori e canti. Non tra umani, bensì tra animali, in particolare tra nove coppie di cani poliziotto dello Sri Lanka, vestiti in scialle, cappelli e calzini. Un’iniziativa – si legge in un articolo pubblicato sul sito animalista greenstyle.it – insolita, voluta per spingere gli animali all’accoppiamento, così da risparmiare centinaia di migliaia di dollari all’amministrazione locale, solitamente costretta a importare esemplari addestrati dall’Olanda. Solo che la cosa ha finito per scaturire una serie infinita di polemiche, prima fra tutte da parte dello stesso ministro della Cultura e dell’arte cingalese, T.B. Ekananayake, che ha criticato pubblicamente l’operato della polizia. Secondo lui il ricorso ai riti tradizionale sarebbe, infatti, un insulto alla cultura e alla storia dello Sri Lanka e minerebbe l’istituzione del matrimonio, tanto che si è deciso di avviare un’apposita indagine. Intanto, insorgono anche gli utenti dei social network, che scrivono: “No alle nozze fra animali”, facendo riferimento a una sorta di tentativo di disumanizzazione del genere umano per rendere leciti i rapporti oltre a quello tra uomo e donna. In attesa dei risultati dell’indagine, il portavoce della polizia locale, Buddhika Siriwardena, si è scusato. Non era nelle intenzioni di chi ha organizzato la cerimonia – spiega l’uomo, così come si apprende da corriere.it – scalfire l’eredità culturale della nazione. Il programma, in realtà, mirava a far risparmiare soldi pubblici. In effetti, solo nel 2011, il dipartimento di polizia cingalese ha speso ben 500mila dollari per riuscire a importare cani addestrati dall’Olanda. Da qui la singolarissima idea di realizzare un matrimonio ad hoc tutto a quattro zampe, ovviamente dal valore solo simbolico, poiché non riconosciuto agli effetti della legge. L’evento, al quale hanno partecipato veterinari, medici, ufficiali e spettatori, è stato registrato da un funzionario: i cani sono stati fatti sedere su una piattaforma simile a quella usata durante le cerimonie tradizionali della maggioranza buddista dell’isola. Poi – come trasmesso dalla tv locale – i quattro zampe sposati sono stati portati via in un’auto della polizia, decorata appositamente per l’occasione. Tra i cani più coinvolti in questa cerimonia così particolare quanto bizzarra, esemplari di Pastore Tedesco e Golden Retriever. Quella che sembra essere stata alla fine un’innocua e improvvisata giornata di festa, si è poi rivelata fonte di critiche e polemiche: non sarebbe stato meglio far incontrare le coppie a quattro zampe in un parco o in qualsiasi altro spazio all’aperto?