20 ottobre 2015
2 min

Proposta shock: “Chi ha un cane presto dovrà pagare una tassa”

attualità

Una tassa sui cani per finanziare la manutenzione delle aree cani o la fornitura pubblica di sacchetti per le deiezioni. È quanto proposto dal Consorzio dei Comuni della provincia di Bolzano. Una proposta che sta scatenando una valanga di polemiche, prime fra tutte quelle degli animalisti e dei proprietari dei cani.

“Demenziale. Se cercano un modo per riempire il canile della Sill – dichiara Manuela Mescalchin, portavoce del comitato Ufficio Garante per i Diritti degli Animali, così come si legge in un articolo pubblicato sul sito di TgCom24 – lo hanno individuato velocemente”. Un vero sacrificio che si aggiunge a tanti altri per chi possiede un amico a quattro zampe: “Pensiamo a cosa può voler dire chiedere 50 euro a cane per chi ne ha diversi. Ci sono altri modi – aggiunge la Mescalchin – per fare cassa in questo settore”. Sarebbe meglio, invece, “cominciare davvero a punire i proprietari che non puliscono i bisogni dei loro cani”. 

Nonostante tutto, Alessandro Bertinazzo, vice presidente del consorzio dei Comuni, rimane fermo sulla sua posizione: “Non trovo assolutamente giusto che la comunità paghi gli interessi di una parte della popolazione, finanziando – si continua a leggere nell’articolo – le aree cani quando facciamo fatica ad istituire i servizi di trasporto scolastico. Ultimamente avere un cane sembra una moda: bene, chi la sceglie può anche pagare qualche servizio per questa moda”.