18 maggio 2010
1 min

Truffe e abusi con cani protagonisti

Siamo a Isola della Scala e vogliamo raccontare questo episodio che ha come protagonisti due meticci di 6/8 mesi. Un uomo ha tentato di sbarazzarsi dei due cagnolini gettandoli in un cassone tritarifiuti. Fortunatamente un volontario dell’Amia li ha trovati prima che venissero triturati. I cani sono provvisti di microchip così si è potuto risalire alla proprietaria e conoscere la loro storia. La signora di Verona, non potendo più tenere i cani, aveva contattato quest’uomo per affidarli al rifugio San Francesco. L’uomo, spacciandosi per un dipendente, ha preso in custodia i due cani e si è fatto pagare ben 200 Euro per poterli portare la rifugio. Quando la responsabile del rifugio è venuta a conoscenza di questa storia ha potuto smascherare il truffatore, che aveva lavorato per lei per un brevissimo periodo. L’uomo è stato denunciato dalla responsabile perché si è spacciato per nostro collaboratore e perché per ritirare i due animali si è fatto pagare 200 euro sostenendo che questa è la prassi da me adottata. Adesso i cani hanno già trovato un nuovo padrone che saprà amarli e accudirli come meritano.