16 maggio 2013
2 min

Vieste, tre cani randagi salvano turista caduto in mare

aiuto cani cane eroe
I nostri amici a quattro zampe ancora una volta protagonisti della cronaca italiana, non perché vittime di maltrattamenti o per aver aggredito una qualche persona, ma per aver salvato la vita a un turista tedesco caduto in mare. A compiere tale gesto eroico, però, non sono stata cani addestrati al salvataggio o al recupero dei dispersi, bensì tre poveri randagi, molto spesso considerati solo un grande problema di cui sbarazzarsi. Ѐ accaduto, lo scorso lunedì, a Vieste – in provincia di Foggia – nella baia di San Lorenzo, all’altezza del Lido Tintarella di Luna. L’uomo – si legge in una nota pubblicata sul proprio sito dall’Ente nazionale protezione animali – stava facendo kitesurfing, quando qualcosa è andato storto ed è precipitato in acqua restando impigliato nelle corde del suo kite. L’incidente sarebbe potuto finire in tragedia se, per l’appunto, non ci fosse stato il provvidenziale intervento di tre trovatelli a quattro zampe (conosciuti dalla popolazione come “abbaioni”, ma innocui), che proprio in quel momento si trovavano nei pressi della spiaggia. Infatti, gli animali, sentite le urla dell’uomo che, continuamente spinto sott’acqua dal mare mosso e impossibilitato a liberarsi dal kite, correva il serio rischio di annegare, hanno cominciato ad abbaiare in modo ininterrotto attirando così l’attenzione dei passanti. Uno di loro – si continua ad apprendere dall’articolo – si è addirittura lanciato in acqua per cercare di raggiungere lo sfortunato surfista. Fortunatamente, due persone – Salvatore e Giovanni Micale, padre e figlio – si sono gettate in acqua e sono riuscite a soccorrere il turista, portandolo sano e salvo sulla riva. L’uomo – come si apprende da teleradioerre.it – ha riportato lievi tagli dovuti alle corde del kite e anche se condotto al Pronto Soccorso di Vieste, ha ringraziato i due salvatori ma ha preferito non ricevere assistenza. Tutto ciò è stato possibile, solo grazie all’avvertimento dei tre pelosetti. Riguardo all’episodio, l’Ente nazionale protezioni animali si è così espressa: “Tutti i cani, non solo quelli addestrati al salvataggio e al recupero dei dispersi ma anche i randagi, sono capaci compiere di gesti di incredibile abnegazione e di dare prova di un altruismo che spesso non trova eguali tra gli uomini. Chi – tiene ancora a sottolineare l’Enpa – si mostra infastidito dalla loro presenza o li considera come un problema, non dovrebbe mai dimenticare che dietro ogni trovatello può celarsi un potenziale eroe”. Ne sa qualcosa questo fortunato turista tedesco.