Epagneul Francais

  • Taglia media
  • Razza non pericolosa
  • Razza non riconosciuta ENCI

Caratteristiche Epagneul Francais

Facilità di formazione
Difesa territorio e persone
Adatta ai bambini
Cura e perdita pelo
Perdita bava

Descrizione

E’ una razza di medie dimensioni: i maschi raggiungono un’altezza di 55-60 cm, mentre le femmine di 54-58 cm; il loro peso si aggira intorno ai 20-26 chilogrammi. Raggruppato nella categoria Braccoide.
Ha un aspetto elegante, distinto ed è molto ben equilibrato nei suoi tratti. La sua struttura muscolare è ben sviluppata, energica e dona il cane di molta resistenza fisica. La struttura ossea è anch’essa energica, ma non molto grossa. Ha una struttura a forma rettangolare.
Gli arti sono rettilinei e paralleli tra loro. I piedi sono arcuati con protezioni molto resistenti che gli permettono di resistere ad ogni tipo di terreno. Le dita sono strette tra loro. Il tronco è leggermente inclinato. Ha una movenza distinta, flessibile, ma molto forte.
La testa è allungata, solida e abbastanza grande, con solchi paralleli; il suo cranio è convesso, leggermente più lungo rispetto al muso; lo stop è evidente ma senza esagerare. Muso lungo e canna nasale lievemente montonina, abbastanza rettilinea; il tartufo è marrone, con ampie narici; le labbra sono grosse e molto chiuse tra loro.
La dentatura è integra, molto energica e a forbice; i denti sono bianchi.
I suoi occhi sono color ambra, grandi, non sporgenti e molto espressivi: dimostrano l’intelligenza e dolcezza dell’animale.
Le orecchie sono lunghe, dotate di frangia e arrotondate in punta.
Il collo non è molto lungo, lievemente arcuato, molto energico e massiccio. La coda è ricurva ad S, anch’essa con frange; raggiunge il garretto.
Il pelo è lungo, morbido, con arricciature ammesse solo su orecchie, collo, zampe e sull’attaccatura della coda.
Il mantello ha sempre fondo bianco, con macchie color marrone.

Origine

Le sue origini sono incerte ma si ipotizza che siano verso il 1400: c’è chi ritiene che derivi dalla Spagna e chi pensa che sia nato e che si sia sviluppato in Francia, con incroci con una varietà di Bracco, oggi non più esistente. E’ stato fin dalle origini molto utilizzato per la caccia da ferma, ma per un lasso di tempo fu trascurato dagli allevatori rischiando l’estinzione. Oggi è molto conosciuto nel suo territorio natio. Non molto diffuso oltre il territorio francese.

Carattere

E’ un cane molto obbediente, tranquillo, allegro, intelligente; reagisce molto bene all’addestramento. Si trova molto a suo agio con gli altri cani, dimostrandosi molto amichevole e giocherrelone. E’ impavido, dimostrando molto coraggio se il padrone è in difficoltà. Ama e si fa amare dalle persone che gli stanno accanto, adattandosi benissimo anche alla vita domestica; ha però bisogno di ampi spazi aperti dove poter praticare molto moto per tenersi in forma. Ama giocare con i bimbi. E’una razza molto pulita, alla quale però va somministrata tanta cura, soprattutto al pelo che deve essere sempre lustrato e pulito almeno 3 volte a settimana.

Standard di razza

ASPETTO GENERALE
Cane di media taglia, elegante e muscoloso, di medie proporzioni, di tipo braccoide.
La sua costruzione armoniosamente proporzionata mostra l’energia e la resistenza necessarie al suo utilizzo.
La struttura ossea è forte senza essere grossolana.
PROPORZIONI IMPORTANTI
La lunghezza del corpo (scapolo-ischiale) è superiore (da 2 a 3 cm) all’altezza al garrese. • La lunghezza del torace è uguale o superiore ai 6/10 della lunghezza del corpo.
COMPORTAMENTO – CARATTERE
Equilibrato, franco, dolce, calmo e docile, cacciatore appassionato, socievole con i suoi simili e compagno ideale in tutte le circostanze.
Eccellente cane da ferma, è anche buon cane da riporto.
TESTA
Portata fieramente, non pesante, non troppo asciutta, con dei rilievi ben disegnati. Di larghezza e lunghezza medie.
REGIONE DEL CRANIO: cranio le facce laterali sono quasi parallele.
Le arcate sopraccigliari sono marcate. Di profilo, le linee del cranio e del muso sono leggermente divergenti.
Stop progressivo e mediamente pronunciato.
REGIONE DEL MUSO: tartufo di colore marrone, ben pigmentato; le narici sono molto aperte.
La canna nasale leggermente convessa è preferibile a quella diritta. Il muso è un po’ più corto del cranio.
Il labbro superiore è ben aderente. Visto di profilo, sul davanti cade quasi verticalmente e s’incurva progressivamente fino alla commessura poco apparente e ben chiusa. Il labbro superiore non deve ricoprire esageratamente quello inferiore.
Mascelle/Denti: dentatura completa. Chiusura a forbice o a tenaglia.
Gli incisivi a forbice sono preferiti a quelli a tenaglia.
Gli occhi di colore da cannella a marrone, vicini il più possibile al colore delle pezzature del mantello, esprimono dolcezza e intelligenza.
Sono abbastanza grandi, di forma ovale. Le palpebre, marroni, sono ben aderenti al globo oculare. Le palpebre superiori sono ben fornite di ciglia.
Orecchi ben aderenti, ben attaccati all’indietro sulla linea dell’occhio. Se sono tirati in avanti, senza sforzo, gli orecchi (le cartilagini) devono raggiungere l’inizio del tartufo. Le frange sono più o meno lunghe e ondeggianti.
COLLO
Muscoloso, dal profilo leggermente arcuato, di sezione ovale, senza giogaia.
CORPO
Linea superiore diritta, ben sostenuta in movimento come in stazione.
Garrese: secco, che esce bene e largo.
Rene largo, non troppo lungo e potentemente muscoloso.
Groppa larga, arrotondata, armoniosamente inclinata nel prolungamento del rene e senza rilievi ossei apparenti.
Torace prorompente, di grande capacità, disceso fino al livello del gomito.
Regione dello sterno ampia e armoniosamente arcuata.
Linea inferiore armoniosamente rilevata verso il ventre, senza esagerazione (non levrettata).
CODA
Integra; arriva alla punta del garretto, non deviata, inserita al di sotto della linea dorsale.
È portata obliquamente, curvata all’inserzione verso il basso e più o meno ricurva verso l’alto all’estremità.
Forte alla radice, diminuisce progressivamente verso la punta.
Guarnita di lunghe frange ondeggianti che cominciano a qualche centimetro dall’inserzione, si allungano fino alla metà della coda e poi diminuiscono progressivamente verso la punta.
ARTI
ANTERIORI: sono in appiombo. La parte posteriore degli anteriori presenta frange ondulate di media lunghezza sopra il gomito, ma nettamente più lunghe a livello dell’avambraccio e ricadenti fino a livello del metacarpo.
Spalla ben aderente al torace e abbastanza obliqua (50° rispetto all’orizzontale).
Braccio di una lunghezza inferiore al terzo dell’altezza al garrese; la sua inclinazione sull’orizzontale è di circa 60°.
Avambraccio secco e muscoloso. Carpo e metacarpo: ben disegnati, asciutti.
Il metacarpo è solo leggermente obliquo, se visto di lato.
Piedi: ovali, con dita ben chiuse e ben arcuate che terminano con unghie forti e scure. Guarniti di peli negli spazi interdigitali. Cuscinetti fermi e scuri.
POSTERIORI: visti da dietro sono verticali; arti potenti e muscolosi dalla coscia alla gamba.
Coscia larga e abbastanza lunga con potente muscolatura molto visibile. La sua inclinazione sull’orizzontale è compresa fra i 65° e 70°.
Gamba: di lunghezza sensibilmente uguale a quella della coscia, provvista di muscoli apparenti.
Garretto solido e nervoso.
Piedi: ovali e leggermente più lunghi di quelli anteriori, ma con le stesse caratteristiche.
Andatura: facile, elastica, regolare ed energica pur restando elegante.
Gli arti si muovono bene lungo l’asse del corpo senza esagerati spostamenti verticali della linea superiore e senza rollii.
PELLE
Elastica e ben aderente al corpo.
MANTELLO/PELO
Lungo e ondulato sugli orecchi, tanto da oltrepassarne l’estremità; così come sul dietro degli arti e la coda.
Piatto, serico e ben fitto sul corpo con qualche ondulazione dietro il collo e al di sopra dell’inserzione della coda.
Raso e fine sulla testa.
COLORE
Mantello bianco e marrone a pezzatura media, talvolta invadente, con chiazze irregolari, poco o mediamente moschettato e roano senza esagerazione.
Il marrone varia da cannella a fegato scuro. La lista bianca e il bianco sulla testa, se la macchia non è troppo larga, sono apprezzati.
L’assenza di bianco sulla testa è perfettamente ammessa.
I bordi delle labbra, le rime palpebrali e il tartufo sono marroni, senza zone depigmentate.
TAGLIA
Maschi da 56 a 61 cm e Femmine da 55 a 59 cm. Tolleranza: 2 cm in più o 1 cm in meno.
DIFETTI
Qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerato difetto e la severità con cui va penalizzato deve essere proporzionata alla sua gravità e agli effetti sulla salute e il benessere del cane.
DIFETTI GRAVI 
Cranio troppo largo • Denti impiantati irregolarmente. • Occhi troppo chiari in soggetti che hanno più di tre anni • Orecchi parzialmente bianchi, troppo corti o triangolari. • Mancanza d’ossatura • Pelo arricciato sul corpo • Mancanza di frange.
DIFETTI ELIMINATORI 
Cane aggressivo o pauroso. • Mancanza di tipicità (insufficienza di caratteri etnici, il che fa sì che l’animale, nel suo insieme, non assomiglia sufficientemente a quelli di questa razza) • Enognatismo, prognatismo (tolleranza per la chiusura rovesciata senza perdita di contatto). • Mascella deviata. • Mancanza di denti qualsiasi ( tranne i PM1) 4 • Occhi eterocromi. • Sguardo cattivo od occhio da rapace. • Macchia bianca che circonda l’occhio. • Presenza di speroni agli arti posteriori • Qualsiasi altro colore all’infuori del bianco e marrone • Depigmentazione ( importante macchia rosa al tartufo e/o alle palpebre. • Taglia al di fuori dei limiti dello Standard. Qualsiasi cane che presenti in modo evidente delle anomalie d’ordine fisico e comportamentale, sarà squalificato.
N.B. I maschi devono avere due testicoli d’aspetto normale completamente discesi nello scroto.

Utilizzazione

E’ fin dalla nascita stato addestrato per la caccia ad animali selvatici da piuma e da pelo, soprattutto adatto per il beccaccino; è apprezzato per la praticità nel trasportarlo, ed è considerato un ottimo cane da riporto. Si adatta benissimo ad ogni ambiente, terreno e condizione climatica, resistendo molto bene al freddo. Lavora molto bene in ambienti bagnati, piovigginosi e boschi. Durante la battuta di caccia non è molto veloce ma corre sempre con la testa alta, e nonostante ciò riesce a scovare benissimo la preda, essendo dotato di un ottimo olfatto.

Alimentazione

Foto di Epagneul Francais