Hovawart

  • Taglia grande
  • Razza non pericolosa
  • Razza riconosciuta ENCI
    Gruppo 2 - cani di tipo pinscher e schnauzer, molossoidi e cani bovari svizzeri

Caratteristiche Hovawart

Facilità di formazione
Difesa territorio e persone
Adatta ai bambini
Cura e perdita pelo
Perdita bava

Descrizione

Ben equilibrato e buono di natura, l’Hovawart è dotato di un buon istinto di protezione e di lotta, sicuro di se e con un carattere ben temprato.
Il suo fiuto è ottimo. Le sue proporzioni armoniose e il suo attaccamento alla famiglia 
ne fanno un eccellente cane da compagnia, da guardia, da protezione, da soccorso e da pista.
Sono cani equilibrati, socievoli ed estremamente affettuosi con i bambini.
La razza Hovawart è indiscutibilmente poco conosciuta, specie in Italia, benchè ormai le nascite registrate si attestino attorno ai 200 cuccioli l’anno; eppure è una razza che avrebbe tutte le qualità per diventare un cane più apprezzato di quello che è.
Intanto è bello, indiscutibilmente, anche per chi non è di parte come noi; il cane Hovawart poi ha una caratteristica che raramente (e nessuno ce ne voglia) si riscontra in maniera così marcata in altre razze: l’equilibrio caratteriale.
Il prezzo dell’Hovawart parte da 800€.

Origine

Conosciuto nel Medio Evo come guardiano, è via via sparito dalla circolazione fino a circa 60 anni fa, quando tramite storici documenti, è stato ricostruito utilizzando cani da guardia della regione dello Schwarzwald.
Il suo nome significa “guardiano di corte”: Wart = guardiano e Hova = corte/casa.
In Italia non è molto diffuso e non ha ottenuto il riconoscimento dalla Federazione internazionale della razza.

Carattere

E’ un cane sveglio, attivo, sicuro di sè, docile ai comandi e amante del suo padrone.
Questa è una razza di buona indole, equilibrato, esigente con sè stesso, molto legato e affettuoso con la sua famiglia; molto protettivo, vigile e coraggioso.
Ha bisogno di continuo affetto umano, meglio farlo vivere in casa coi suoi padroni; giocherellone ed affettuoso verso tutti.
Non è un cane che “si educa da solo”, ha bisogno di un “capobranco” coerente e senza incertezze,  che non si faccia mettere in discussione, che stabilisca quali sono le regole da seguire e le applichi in maniera ferma, teniamo presente oltretutto che fisicamente è molto agile e potente.
Da cucciolo è dotato di una vivacità che a volte mette a dura prova la pazienza dei suoi compagni umani, per questo l’educazione va iniziata subito
, per evitare che il cane si incanali in una sorta di “autogestione”.
Per quanto riguarda gli utilizzi, avete solo l’imbarazzo della scelta: a partire dai brevetti di utilità e difesa per arrivare a tutte le attività sportive, passando per gli impieghi  “sociali” come la pet therapy o la ricerca di persone disperse dove potrà  mettere all’opera il suo fiuto eccezionale.

Standard di razza

ASPETTO GENERALE
È un cane da lavoro potente, di media taglia, leggermente allungato, dal pelo lungo. La differenza fra i due sessi è nettamente riscontrabile, specialmente nella forma della testa e costruzione del corpo.
PROPORZIONI IMPORTANTI 
La lunghezza del corpo = da un minimo di 110 al 115 % dell’altezza al garrese.
COMPORTAMENTO-CARATTERE
Riconosciuto cane da lavoro dai molteplici impieghi. Di carattere gentile e sempre uguale. Possiede istinto protettivo e battagliero, fiducia in sé e capacità di sopportare la fatica, temperamento medio; il tutto combinato con un gran fiuto. Le proporzioni armoniche del suo corpo e la speciale devozione alla sua famiglia, fanno di lui un eccezionale cane d’accompagnamento, da guardia, da inseguimento e da soccorso.
TESTA
La canna nasale è diritta e parallela al cranio. Muso e cranio sono circa della stessa lunghezza. La pelle della testa è strettamente aderente.
REGIONE DEL CRANIO: la testa, possente, ha una fronte ampia e arrotondata.
Stop ben visibile.
REGIONE DEL MUSO: tartufo narici ben aperte.
Nei cani neri/focati e neri il pigmento è nero; nei cani biondi è nero; è accettato il “naso da neve” (mancanza temporanea di pigmento).
Muso forte; si assottiglia solo leggermente se visto dal di sopra e in profilo Labbra strettamente aderenti.
Mascelle/Denti: forte, completa chiusura a forbice con 42 denti, secondo la formula dentaria.
Denti perpendicolari alla mascella. Accettata la tenaglia.
Occhi ovali, non sporgenti né infossati.
Colore: dal marrone scuro al medio.
Palpebre ben aderenti.
Gli orecchi triangolari ricadono molli agli angoli della testa; sono attaccati alti e ben distanziati, dando così l’illusione ottica di ampliare il cranio.
Arrivano in lunghezza agli angoli della bocca (commessure labiali).
La punta è leggermente arrotondata. Quando il cane è tranquillo sono pendenti piatte, quando è in attenzione possono essere portate dirette leggermente in avanti.
Il loro bordo anteriore si trova all’incirca a metà strada fra l’occhio e l’occipite.
COLLO
Forte, di media lunghezza. Pelle strettamente aderente.
CORPO
Dorso diritto e fermo. Rene forte, leggermente più lungo della groppa.
Groppa di media lunghezza, e leggermente obliqua.
Torace ampio, profondo e forte.
CODA
Cespugliosa, sorpassa il garretto, ma non tocca il suolo.
A seconda dell’umore del cane, è portata alta e ricurva sopra il dorso o pendente.
ARTI
ANTERIORI: forti, diritti e verticali, visti dal davanti e di lato.
Spalle molto muscolose. Scapole lunghe e ben posizionate all’indietro.
Braccio lungo, strettamente aderente al corpo.
Gomiti ben aderenti al torace.
Carpo forte. Metacarpo moderatamente obliquo.
POSTERIORI: forti e verticali se visti dal dietro.
Posteriori ben angolati.
Coscia e gamba molto muscolose.
Garretto forte, ben disceso.
Piedi arrotondati, forti e compatti. Dita arcuate e chiuse. Speroni da togliere tranne nei paesi dove è proibito dalla legge.
Unghie con pigmento nero nei nero/focati e nei neri; nei cani biondi ci può essere una minore pigmentazione.
In tutte le andature il movimento dell’Hovawart è su di una linea diritta e ricopre molto terreno.
Il trotto è molto allungato, con potente spinta dal posteriore.
PELLE
Strettamente aderente ovunque. Con lucentezza bluastra nei neri/focati e neri; generalmente lucentezza rosa nei cani biondi.
MANTELLO/PELO
Il forte pelo lungo è leggermente ondulato e fitto, con solo poco sottopelo.
È più lungo sul petto, ventre, parte posteriore degli arti anteriori, delle cosce e coda.
Il pelo è più corto sulla testa e sulla parte anteriore degli arti.
Il mantello è folto.
COLORE
Ci sono tre varietà di colore: nero/focato, nero e biondo • Nero focato: il mantello è nero e lucente, il colore delle focature è un medio biondo.
Sulla testa le focature iniziano sotto la canna nasale e si estendono attorno agli angoli della bocca fino alle focature della gola.
Le focature appuntite sopra gli occhi sono chiaramente visibili.
Le focature del petto consistono in due macchie adiacenti che possono essere unite.
Sugli arti anteriori le focature, viste di lato, si estendono dalle dita all’incirca ai pastorali e si assottigliano sul lato posteriore all’incirca a livello dei gomiti.
Sugli arti posteriori, visti di lato, le focature sotto il garretto appaiono come una striscia ampia, sopra il garretto solo come una striscia stretta che si estende sul lato anteriore delle gambe su fino al livello del ventre.
Una focatura è anche presente sotto l’inserzione della coda.
Le focature hanno ovunque un contorno distinto.
Singole macchioline bianche sul petto come pure qualche singolo pelo bianco sulle dita e punta della coda sono permesse.
Pigmento nero su palpebre, labbra e cuscinetti • Nero: Il mantello è nero e lucente. Qualche singola macchia bianca sul petto come pure singoli peli bianchi sulle dita e punta della coda sono permessi. Pigmento nero sulle palpebre, labbra e cuscinetti. • Biondi Il pelo è un biondo medio, lucente e diventa più chiaro verso le gambe e ventre. Singole macchioline bianche sul petto come pure singoli peli bianchi sulle dita e punta della coda sono ammessi. Pigmento nero sulle palpebre, labbra e cuscinetti.
TAGLIA
Altezza al garrese: Maschi 63 – 70 cm e Femmine 58 – 65 cm.
DIFETTI
Qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerata come difetto e la severità con cui questo difetto verrà penalizzato deve essere proporzionata alla sua gravità.
DIFETTI ELIMINATORI 
Cani che non sono conformi al tipo della razza • Femmine nettamente mascoline • Maschi nettamente femminili.
N.B. I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali completamente discesi nello scroto.

Utilizzazione

Guardiano instancabile, perfetto per le proprietà. Viene usato anche come cane da difesa, nel servizio civile, da ricerca per persone disperse, da guida per ciechi, per controlli antidroga e per uso militare.

Alimentazione

I singoli cibi vanno sostituiti gradualmente nell’arco di una settimana, cambiando il vecchio alimento con il nuovo tramite la somministrazione di dosi scalari e crescenti dell’uno e dell’altro.
Gli umani amano diversificare la propria alimentazione, ma ciò non vale per il cane e soprattutto per il suo apparato digestivo; pertanto, variando continuamente l’alimentazione del cane – senza operare la necessaria fase di transizione – si rischia di provocare squilibrio digestivo all’animale.
Inoltre, bisogna rammentare che il cane ha pochissime papille gustative, ma un olfatto estremamente sviluppato; di conseguenza, l’aroma del cibo gioca un ruolo importante nella scelta degli alimenti, tale per cui cuccioli che vengono svezzati con alimenti casalinghi avranno poi delle difficoltà ad accettare i mangimi industriali, e viceversa.

Foto di Hovawart