Soft Coated Wheaten Terrier

  • Taglia media
  • Razza non pericolosa
  • Razza riconosciuta ENCI
    Gruppo 3 - terrier

Caratteristiche Soft Coated Wheaten Terrier

Facilità di formazione
Difesa territorio e persone
Adatta ai bambini
Cura e perdita pelo
Perdita bava

Descrizione

Un tempo gli esemplari di questa razza erano conosciuti come i cani dei poveri per la loro attitudine a lavorare come cane da guardia nelle fattorie proteggendo il confine e come cacciatore di parassiti e piccola selvaggina.

Il Soft Coated Wheaten Terrier è forte, agile e ben coordinato, è molto intelligente e facile da addestrare.
In genere viene scelto come cane da compagnia: è molto affettuoso con i bambini, pretende molta attenzione ed è sempre disposto a giocare.

È un cane ben proporzionato e ben costruito con una massa muscolare eccellente. Il suo aspetto evidenzia caratteristiche di forza e di potenza. Può essere tenuto sia in casa che fuori in giardino, in generale questa razza non richiede molto esercizio, una lunga passeggiata quotidiana è sufficiente a mantenere il cane sano sia fisicamente che mentalmente.

Bisogna però prestare attenzione perché il Soft Coated Wheaten Terrier è molto sensibile al clima caldo, quindi deve essere adeguatamente protetto.

Il pelo è fine e serico al tatto, senza durezza. In Gran Bretagna la toelettatura è proibita, i colori ammessi sono tutte le tinte che vanno dal color grano chiaro al rosso dorato.

Origine

Questo è un cane molto antico, le sue origini risalgono a più di 2000 anni fa, anche se la sua presentazione al pubblico avviene nel 1933.
Discende dalla contea di Munster. Si pensa che le sue origini derivino dal Kerry Blu Terrier.
Non è molto diffuso al di fuori della contea di Kerry, in Irlanda.
Prende il nome dalle caratteristiche del suo partcolare mantello, esso può avere quattro differenti varietà: “traditional irish”, “heavy irish”, “heavy english” e “heavy american”.
Viene chiamado “amichevolmente” Wheaten.
La razza è’ stata riconosciuta solo in tempi recenti, nonostante venisse usata da secoli per la caccia, per la pastorizia e anche per la guardia.
E’ stata riconosciuta ufficialmente come razze canina nel 1937 in Irlanda e nel 1943 in Inghilterra.
Razza molto diffusa negli Stati Uniti d’America.

Carattere

E’ un cane temerario, combattivo, energico; resiste senza problemi alla fatica e alle intemperie; cane molto ubbidiente, agile e sportivo.
Si distingue dagli altri Terrier per non essere aggressivo.
Ama anche giocare coi bambini. Sempre allegro, affettuoso e fedele.

Vivace, Leale, Energico. Questo cane non possiede il carattere tipico del terrier, perché non è né irascibile né rissoso con i suoi simili. In famiglia è una razza eccezionale, ottimo compagno, affettuoso, fedele, sempre gioviale e allegro. Pretende sempre l’attenzione delle persone e è sempre disposto a giocare. Oggi è utilizzato quasi esclusivamente come cane da compagnia.

Il Soft-Coated è naturalmente un terrier, con un forte istinto sportivo, sempre pronto al gioco, ma con un buon temperamento.
E’ una razza affettuosa, curiosa e sempre allerta di tutto ciò che è fuori dall’ordinario.
Non può essere definito cane da guardia ma è molto protettivo della sua famiglia e del suo territorio, allertando i proprietari dei pericoli.
Quando gli ospiti sono accettati in casa, il Soft si comporta amichevolmente con loro, portandogli dei giochi, saltandogli addosso, alle volte per fargli delle feste oppure per poterli riempire di leccatine di cui i Soft elargiscono abbondantemente.
Sua abitudine è di fare innumerevoli giri su se stessi, come trottole, quando sono particolarmente felici di qualche evento che si è manifestato o che accadrà.

E’ un cane fedele per la vita con una lunga memoria, non dimenticherò mai un amico o chi gli avrà atto un torto. Vuole far parte della famiglia e partecipare a tutto considerandosi membro a tutti gli effetti. Non abbaia mai se non per un valido motivo.
Soffre il freddo quindi predilige dormire in posti caldi e possibilmente morbidi. Può vivere in appartamento in città, ma essendo un cane molto vitale necessita di molto movimento.

Essendo una razza molto esuberante, non va lasciato solo con bambini molto piccoli, ma con quelli un po’ più adulti si crea un rapporto meraviglioso trattandosi di un cane che non si tira mai indietro ad un invito al gioco. 
Necessita di un padrone che sia un leader e fin da piccolo non gli deve essere concesso di gestire lui le situazioni.
E’ un cane facile da addestrare, ci vuole un po’ di impegno e in particolare modo di coerenza da parte del proprietario nei primi mesi, finché il Soft capirà ciò che si desidera da lui. 
Non è un cane litigioso con i suoi simili anzi cerca sempre di proporsi in tono amichevole con tutti compresi i maschi.

Standard di razza

ASPETTO GENERALE
Un cane robusto, attivo, compatto, ben costruito, che dà l’idea della forza. Non troppo alto sugli arti, né troppo basso.
COMPORTAMENTO – CARATTERE
Spiritoso e sportivo. Di buon carattere. Molto affettuoso e leale con il suo padrone, molto intelligente.
Un amico affidabile e fedele, che difende senza essere aggressivo.
TESTA
Generalmente potente senza essere grossolana.
Lunga e ben proporzionata al corpo.
Pelo dello stesso colore del resto del corpo.
REGIONE DEL CRANIO: cranio piatto e pulito fra gli orecchi, non troppo ampio.
Stop definito.
REGIONE DEL MUSO: tartufo nero e ben sviluppato.
Muso non più lungo del cranio.
Mascelle forti e poderose.
Denti larghi e regolari; chiusura a forbice o tenaglia. Né prognatismo, né enognatismo. Guance ossa non prominenti.
Occhi occhi scuri, nocciola scuro, non troppo grandi, non sporgenti, ben piazzati.
Orecchi da piccoli a medi, portati sulla fronte, a livello del cranio.
Una sfumatura scura alla base dell’orecchio è permessa e non insolita, accompagnata in superficie da una colorazione grano chiaro.
Questa è la sola zona dove è permesso il sottopelo.
Gli orecchi a rosa o svolazzanti sono decisamente indesiderabili.
COLLO
Moderatamente lungo e forte, ma senza giogaia.
CORPO
Non troppo lungo. La lunghezza dal garrese alla base della coda è pressappoco uguale a quella dal terreno al garrese.
Dorso forte e orizzontale con linea superiore uniformemente piana. Rene corto, potente. Torace profondo, con costole ben cerchiate.
CODA
Ben inserita, non troppo spessa. Portata gaiamente ma non sopra la linea dorsale.
La coda è tagliata in modo da lasciare ⅔ dell’originale, dando equilibrio al resto del corpo.
È permessa integra.
ARTI
ANTERIORI: spalle fini, ben oblique e muscolose. Arti perfettamente in appiombo, visti da ogni angolatura. Buona ossatura e muscoli.
POSTERIORI: ben sviluppati con muscoli potenti.
Cosce forti e muscolose.
Ginocchi angolati. Garretti ben discesi e non deviati in fuori né in dentro.
Speroni da rimuovere. Piedi piccoli, compatti.
Unghie preferibilmente nere, ma vari altri colori scuri sono permessi.
Andatura: movimento sempre diritto, visto dal davanti o dal dietro. Gomiti in dentro. Visto di lato il movimento è coordinato e leggero.
MANTELLO/PELO
Cane da un solo tipo di pelo. Pelo soffice e serico al tatto e non ruvido (cani giovani esclusi). Permessa la toelettatura.
Cani toelettati: pelo tagliato vicino al corpo sul collo, petto e cranio, e lasciato particolarmente lungo sopra gli occhi e sotto la mascella. Baffi consigliati.
Ricche frange sugli arti.
Pelo “aggiustato” sul corpo per disegnarne il profilo, ma non scolpito.
Sulla coda il pelo va tagliato corto e sempre più corto verso la punta.
Cani non toelettati i peli più lunghi non devono oltrepassare i 12,7cm. Soffice, ondulato o con larghi ricci con la lucentezza della seta.
In nessun caso il pelo deve essere cotonato come un Barbone o un Bobtail.
I soggetti esposti in queste condizioni dovrebbero essere pesantemente penalizzati poiché danno un’immagine sbagliata della razza.
Bisogna fare molta attenzione allo sviluppo del pelo dei cuccioli.
Nascono raramente col pelo corretto della maturità, e bisogna curare molto il raggiungimento di questo fine.
Passano attraverso vari cambiamenti di colore e tessitura prima di avere il pelo definitivo.
Ciò avviene tra i 18 mesi e 2½ anni.
Cuccioli raramente nascono con il giusto colore e la giusta tessitura. Diventano rossicci, grigiastri e talvolta grano chiaro.
Le maschere sono generalmente nere.
Talvolta c’è una striscia nera lungo il centro del dorso o sono nere le punte dei peli. Questi segni scuri schiariscono definitivamente con la crescita.
COLORE
Un nitido color frumento che può andare dal color grano chiaro fino al rossiccio dorato.
TAGLIA 
Altezza al garrese: Maschi 46 – 48 cm Femmine un po’ meno Peso Maschi 18 – 20,5 kg Femmine un po’ meno.
DIFETTI
Qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerato come difetto e la severità con cui questo difetto sarà penalizzato deve essere proporzionata alla sua gravità • Nervosismo. Cattiveria • Tartufo che non sia nero • Prognatismo, enognatismo • Mantello di cane adulto che non sia di un nitido color grano.
DIFETTI ELIMINATORI 
Occhi gialli • Pelo scialbo spesso, lanoso o stopposo • Mantello bianco – Mantello marrone Soggetti che abbiano uno qualsiasi dei difetti summenzionati, non devono essere usati per l’allevamentO.
N.B I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali completamente discesi nello scroto.

Utilizzazione

Adatto ad ogni tipo di mansione; guardiano, difensore, conduttore di gregge e cacciatore in tana. Apprezzato anche come cane da compagnia.
Si abitua facilmente alla vita in appartamento o in giardino; si è sempre distinto per amare il pericolo. Oggi è utilizzato quasi esclusivamente come cane da compagnia.

Alimentazione

Molti proprietari di cani, specialmente se alle prime armi, si chiedono se sia migliore un’alimentazione “casalinga” oppure un’alimentazione “industriale”.
Di primo acchito si sarebbe portati a pensare che sia la prima l’alimentazione per il cane più corretta, ma si deve tener conto che una scelta del genere non è, specialmente nel lungo termine, facilmente sostenibile, sia per quanto riguarda i costi sia per quanto riguarda i tempi di gestione, entrambi non di poco conto.
Chi propende per un’alimentazione del cane di tipo casalingo è probabilmente motivato dal timore che un’alimentazione di tipo industriale possa essere non adeguata, se non addirittura deleteria, per l’animale.
In realtà, anche un’alimentazione industriale può essere ottima; l’importante è imparare a discriminare fra prodotti; sicuramente ve se sono molti che sono da scartare, ma con il tempo si imparerà a scegliere con oculatezza e criterio.

Una premessa fondamentale: quando si parla di alimentazione del cane, si deve tenere presente che certi interventi sono di carattere generale e quindi vanno bene per ogni cane, ma ve ne sono altri che dipendono anche dalla tipologia dell’animale. 

Foto di Soft Coated Wheaten Terrier