Come proteggere i nostri cani dal caldo

Come proteggere i nostri cani dal caldo
22 Giugno 2012

"Nuova ondata di caldo. A rischio soprattutto i bambini, gli anziani e i malati cronici. I consigli: non uscire nelle ore più calde della giornata; bere molto...".

Quante volte durante l'estate i Tg ripetono questi avvertimenti? Anche i nostri pet possono soffrire a causa dell'aumento delle temperature, avere colpi di calore, disidratarsi per mancanza d'acqua e incorrere in pericoli ancora maggiori.

Ecco alcune regole da adottare per evitare ai nostri beniamini malesseri e rischi gravi:

- i cani tenuti in giardino devono sempre poter avere a disposizione una zona d'ombra, soprattutto i cani che sono legati. Se hanno delle cucce in giardino, queste d'estate dovrebbero essere poste sotto una tettoia, trovarsi cioè in una zona che rimanga all'ombra tutto il giorno a prescindere dagli spostamenti del sole. Ricordate che le cucce devono essere ben areate e, preferibilmente, avere una doppia parete che eviti il surriscaldamento;

- ai nostri cani e gatti occorre sempre lasciare a disposizione una ciotola di acqua fresca non esposta al sole, onde evitare che si surriscaldi a causa dei raggi diretti;

- cambiate spesso l'acqua;

- nei giorni più caldi bagnate il vostro cane con acqua fresca. Ai cani che trascorrono tutto il giorno in giardino, sarebbe opportuno dare la possibilità di rinfrescarsi da soli saltando ogni tanto in una grande bacinella piena d'acqua, anch'essa, naturalmente, posizionata all'ombra;

- non lasciate mai il cane solo in auto. La temperatura nelle auto raggiunge d'estate livelli altissimi in poco tempo e potrebbero rapidamente trovarsi in pericolo di vita. Non fa differenza se i finestrini siano aperti o chiusi! Se per qualche motivo imprevisto dovete "per forza" lasciarlo in auto, accendete l'aria condizionata;

- se il vostro pet viaggia con voi in auto, creategli dell'ombra sul sedile posteriore con una tendina protettiva e portate sempre con voi un'abbondante quantità d'acqua;

- non costringete il vostro cane a sostare o a camminare su superfici surriscaldate (strade, sabbia, marciapiedi..), perché non solo potrebbe scottarsi le zampe e altre parti del corpo, ma questo potrebbe anche impedirgli di espellere calore. Nelle ore di caldo maggiore sarebbe opportuno farlo passeggiare soltanto sull'erba;

- se fa molto caldo, non costringete il vostro cane a passeggiate estenuanti. In ogni caso, portate sempre con voi acqua da potergli fare bere. Se il cane è anziano o malato, gli sforzi dovrebbero essere minimi;

- i cani possono scottarsi la pelle proprio come noi. Ѐ consigliabile proteggere la loro epidermide con un filtro solare, soprattutto sulle estremità delle orecchie..

- ricordiamo che per salvaguardare gli occhi dei nostri pet dai raggi UV e dalle lunghe esposizioni a riflessi troppo forti, esistono anche "OCCHIALI DA SOLE" progettati per loro.

Come proteggere i nostri cani dal caldo

COME RICONOSCERE UN COLPO DI CALORE?

I principali segnali di un colpo di calore sono: aumento della temperatura corporea; ansimare crescente e disordinato; respirazione difficile; visibile arrossamento delle gengive e delle membrane degli occhi; forte affaticamento; collasso; perdita di coscienza; immobilità;

Se il vostro cane o il vostro gatto presentano uno di questi sintomi, portateli immediatamente all'ombra, immergeteli in una vasca di acqua tiepida. Se non è possibile, bagnateli a ripetizione con degli asciugamani bagnati. Non usate acqua troppo fredda e meno che mai il ghiaccio, perché entrambi potrebbero stringere i vasi dell'animale e impedire al suo corpo di rilasciare calore. Fatto questo, chiamate subito il veterinario.

COME AIUTARE I CANI IN DIFFICOLTÀ PER STRADA O CHIUSI IN AUTO?

Se, durante l'estate, incontrate dei cani che presentano i sintomi di un colpo di calore, prestate loro soccorso, portandoli all'ombra e dandogli da bere. Se sono chiusi in una macchina, cercate urgentemente il proprietario. Potete anche rivolgervi ai Carabinieri, alla Polizia, ai Vigili Urbani e al Corpo Forestale.

VOTO DEGLI UTENTI

Commenta l' articolo